Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, Baroni: ‘Non dobbiamo fare tabelle. Rossi e Gasparetto? Ho fatto le mie scelte’
Marco Baroni sulla panchina della Reggina, stagione 2020-2021
Marco Baroni sulla panchina della Reggina, stagione 2020-2021

Reggina, Baroni: ‘Non dobbiamo fare tabelle. Rossi e Gasparetto? Ho fatto le mie scelte’

“Non dobbiamo pensare assolutamente pensare alle tre partite in una settimana, dobbiamo dare tutto di gara in gara”.

Marco Baroni non vuole che la Reggina si risparmi in ottica impegni ravvicinati. Lo ha detto alla vigilia del delicato scontro diretto di Pescara.

“Quest’anno è un campionato che esce fuori dalla normalità. Di solito la differenza tra play off e play out è sempre molto corta, quest’anno anche per la presenza di molte squadre attrezzate ha creato distacco. Ma secondo me in ottica salvezza, per come sono abituato, non dobbiamo fare tabelle. Con la crescita delle nostre prestazioni possiamo ottenere quello che vogliamo”.

“Dobbiamo – ha proseguito –  pensare quello che abbiamo sempre fatto, cercare di imporre il nostro gioco. Conosciamo le difficoltà di questa partita e questo deve esaltarci ancora di più. Dobbiamo avere rispetto di un avversario forte che ha in organico giocatori importanti e che si è ulteriormente rafforzato. Non dobbiamo sbagliare”.

Poi spazio alla situazione Rossi e Gasparetto, rimasti a Reggio nonostante la volontà di cederli.”Ho parlato chiaro con i ragazzi. Sono qui per fare delle scelte. Li hanno penalizzati, ma io rimango coerente. Sono professionisti. Si stanno allenando e nel calcio non si sa mai”.

Tanti calciatori arrivati hanno segnalato l’importanza di un confronto con Baroni ai fini dell’accettare Reggio Calabria. “Non mi permetto di chiamare i calciatori, se non davanti alla società, se non nel momento viene chiesto un intervento. L’ho fatto per esporre un progetto. Quando un calciatore sente anche la voce dell’allenatore che gradirebbe poterlo allenare, è un qualcosa in più.  Mi fermo a questa constatazione, non mi permetterai mai di chiamare calciatore di mia spontanea volontà. È stato fatto con la società presente”.