Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina-Lecce: Folo e Rivas scalano? Incognita undicesimo per Baroni

Reggina-Lecce: Folo e Rivas scalano? Incognita undicesimo per Baroni

Non è facile estrapolare molto dalle conferenze stampa di Marco Baroni. Il tecnico lascia sempre poco spazio ad anticipazioni ed occorre basarsi spesso su interpretazioni del pensiero. Anche perché gli allenamenti al Sant’Agata, per motivi di Covid, restano chiusi.

Sabato alle 16 arriva al Granillo la corazzata Lecce e gli animi in ottica recupero infortunati sono contrastanti.

Da una parte ci sono i recuperi, probabilmente non al massimo, di Menez, Faty, Charpentier e Denis.  Dall’altra c’è l’obbligo di rinunciare a Crisetig per evitare ricadute.

E allora cosa accade? Si apre un buco a centrocampo che potrebbe essere colmato da Folorunsho.  Sì, perchè il sostituto più o meno naturale di Crisetig e De Rose, ma il centrocampista cosentino è al centro di voci di mercato e non è detto che Baroni lo consideri arruolabile.

L’italo-nigeriano andrebbe ad affiancare Bianchi, con il trio di trequartisti potrebbe vedere schierati Liotti a sinistra, Situm a destra, ma soprattutto Rivas al centro.

Grazie alla scelta di far scalare indietro di una casella sia Folorusnho che Rivas, si aprirebbe lo spazio per il riferimento offensivo.   Si tratterebbe, fondamentalmente , dell’undicesima maglia da titolare lasciata libera da Crisetig.

E chi potrebbe giocare?  Baroni ha risposto: uno tra . Charpentier, Faty, Menez e forse Denis.  A loro potrebbe aggiungersi Bellomo come idea.  O magari una staffetta, dato che nessuno di loro ha i novanta minuti nelle gambe.   Faty (meno probabile) eviterebbe lo scivolamento indietro dei compagni,  per cui al momento l’ipotesi si può considerare come poco probabile.

Tutti gli altri sarebbero candidati ad una maglia come centravanti.  Il favorito potrebbe essere proprio Charpentier, anche per una questione di passo in una partita dove Baroni ha annunciato che bisognerà correre tanto.

L’altra soluzione, non in ordine di importanza, è che Rivas resti centravanti atipico e dietro giochi Bellomo.

Dietro, invece, dovrebbe cambiare poco o nulla con Delprato a destra, Loiacono e Cionek in mezzo e Di Chiara a sinistra.

E in porta Guarna o Nicolas? La risposta la sa forse solo Baroni.