Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, continuità per Baroni o ritorno al passato?

Reggina, continuità per Baroni o ritorno al passato?

La prima esibizione di Marco Baroni sulla panchina della Reggina è coincisa con una sconfitta.

Nella prima mezz’ora, però, sono emerse indicazioni significative rispetto al cambio di modulo.

La scelta di rafforzare le fasce, in particolare, ha dato l’idea di essere efficace in questo momento storico per gli amaranto.

Tuttavia, a fine gara, lo stesso allenatore ha inteso mettere in evidenza come molto nella scelta del modulo fosse dipeso dalla necessità di dover far quadrare i conti con gli uomini a disposizione.

A Vicenza, sul fronte dei giocatori disponibili, dovrebbe cambiare poco.   Di fatto ci sarà il rientro di Nicola Bellomo e la squalifica di Daniele Liotti.

A livello di caratteristiche degli interpreti la situazione dei disponibili non varia, anche perché il fatto che possa tornare a disposizione Thiago Cionek non sposta gli equilibri della rosa in fatto di varietà di gioco. Qualora tornasse disponibile giocherebbe al posto di Stavropoulos.

Anche in attacco non si potrà andare oltre un unica punta schierabile (Lafferty), dato che risulta difficile che Denis possa recuperare.

La sensazione è che, a Vicenza, si vedrà una squadra molto simile a quella schierata contro il Cittadella.   Tuttavia, alle spalle del nordirlandese potrebbe esserci proprio Bellomo con Rivas che andrebbe a sinistra.   L’altra soluzione è schierare Peli a destra con Rolando a sinistra e il ballottaggio tra il barese e l’honduregno per il ruolo di sottopunta.

In ogni caso sembra molto difficile che al Menti si possa rivedere una difesa a tre.

A meno che Baroni non decida di utilizzare un solo riferimento offensivo.  Il fischio d’inizio a Vicenza è in programma alle ore 19.00.