Home / Sport Strillit / REGGINA / Venezia-Reggina, Zanetti non si fida: ‘Mi aspetto gli amaranto assatanati’

Venezia-Reggina, Zanetti non si fida: ‘Mi aspetto gli amaranto assatanati’

Paolo Zanetti, allenatore del Venezia, è pronto alla sfida del Granillo.  Dopo neanche tre giorni dal ko casalingo contro il Monza,  i lagunari cercano riscatto contro una Reggina che vive un momento particolarmente complicato.

 

I GIOCATORI DISPONIBILI:

“Modolo e Taugourdeau non saranno della partita mentre recuperiamo Johnsen che ha scontato la giornata di squalifica rimediata contro il Lecce e Bjarkason anche se ha svolto un solo allenamento. Ho bisogno ancora della giornata di domani per capire chi scenderà in campo, perché mi aspetto una gara molto fisica e quindi ho bisogno di far giocare chi mi da maggiori garanzie in questo senso.”

SULLA PARTITA DI SABATO:

“Perdere non piace a nessuno, i ragazzi erano rammaricati forse anche più del dovuto. È giusto che la sconfitta dia fastidio, ma le partite vanno riviste ed analizzate. Lo abbiamo fatto e posso dire che abbiamo giocato una partita alla pari contro una squadra forte. Poi gli episodi e alcuni errori hanno portato alla sconfitta ma non mi sento di condannare nessuno. La condanno quando la squadra non ha il giusto spirito o il giusto approccio alla gara, ma sabato non è stato così. Ho chiesto ai ragazzi che questa battuta d’arresto non lasci strascichi ma che ci dia la forza anche mentale per affrontare le prossime sfide a partire da quella di domani.”

COME SI PREPARA UNA PARTITA IN 72 ORE:

“ Ieri abbiamo effettuato una seduta defaticante per recuperare. Oggi ci siamo allenati regolarmente e abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare per preparare al meglio la partita in un giorno. L’unica preoccupazione è la tenuta psicofisica ma questo vale per tutto le squadre non deve essere un alibi. Dove non si arriverà fisicamente ci si dovrà arrivare mentalmente, questo è determinante quando si affrontano partite determinanti e ravvicinate. Noi abbiamo una nostra identità ben precisa e questo ci aiuta perché possiamo lavorare sui dettagli. Queste partite però ripeto si affrontano soprattutto con la testa perché credo che entrambe le squadre non avranno molta gamba.”

L’ARRIVO DEL PRESIDENTE NIEDERAUER:

Il presidente è venuto a trovarci e ha fatto a tutti anche un graditissimo presente per Natale. Ha la capacità di gestire momenti di piccola difficoltà in maniera molto lucida e questo è un valore aggiunto importante. Nonostante la sconfitta ha speso solo parole di fiducia nei nostri confronti e ci ha stimolato per dare sempre il meglio. Credo che questa proprietà sia speciale e non lo dico per piaggeria ma perché è quello che pensiamo tutti.”

L’ASSETTO TATTICO:

“Ho pensato spesso alla doppia punta, ma è una situazione che cambia un pò il nostro modo attuale di giocare e mi dispiace molto sopratutto per Bocalon perché è un ragazzo straordinario che ci può dare tanto a livello agonistico e che è stato utilizzato anche meno di quanto meriterebbe. Domani però ripeto metterò in campo la miglior formazione possibile e quella che mi garantirà la miglior tenuta considerando poi che giocheremo di nuovo sabato e martedì.”

LA REGGINA:

“Mi aspetto una squadra assatanata perché conosco bene il loro allenatore e so che è una persona che spinge molto sull’aspetto agonistico. È una squadra con un organico di livello che può puntare ai playoff. Domani scenderanno in campo con un spirito di rivalsa, lo faremo anche noi e quindi mi aspetto una partita di grande spessore agonistico.”