Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina, la corsa in copertura di Lafferty: un’immagine significativa

Reggina, la corsa in copertura di Lafferty: un’immagine significativa

La vittoria ottenuta dalla Reggina contro il Brescia è stato un successo ottenuto soprattutto con la forza di volontà, lo spirito di gruppo, l’averci creduto di più rispetto all’avversario.

Dopo le le ultime quattro sconfitte consecutive iniziava  a serpeggiare persino il dubbio che le tanti grandi firme del gruppo, anche per via di un rendimento non all’altezza de nome, potessero essere un deterrente alla costituzione di uno spogliatoio solido.

Ci sono, però, due immagini che cancellano questo sospetto.  La prima è quell’abbraccio a fine partita  che ha coinvolto tutti i calciatori.

L’altra era un qualcosa che era avvenuto verso la fine del match.  Rivas si era trovato ad essere l’uomo più avanzato della Reggina, rimanendo vicino la linea di fondo avversaria  con la palla già in gioco.

Kyle Lafferty, uno di quelli che non ha certo mantenuto fede alle attese, con uno scatto da centometrista si è catapultato nella posizione dell’honduregno.  Si tratta magari di un automatismo, ma uno che non è dentro la partita con la testa giusta fatica a leggere queste situazioni. Un’immagine che forse spazza la sua immagine di indolenza che rischia di passare,  ma che certifica, una volta di più, che Mimmo Toscano ha il gruppo in pugno.

E se, poco prima, avesse trovato modo di realizzare il suo primo gol, sbloccandosi come Denis, magari le cose sarebbero potute cambiare anche per l’ex Palermo.