Home / Sport Strillit / REGGINA / Reggina nelle mani di Licastro:Abbiamo pagato la pressione. Quella parata su Corona…”

Reggina nelle mani di Licastro:Abbiamo pagato la pressione. Quella parata su Corona…”

A tenere in piedi la Reggina, nel negativo primo tempo di Scordia, c’è stato il portiere Mattia Licastro.   Il ventenne di Delianuova, dopo gli errori di Ventrella, ha acquistato la titolarità.

“Sarebbe stato meglio fare tre punti” ha detto ai microfoni di Tutti Figli di Pianca, in onda su Radio Touring.

“Sapevamo che avremmo dovuto vincere. Era una partita importante -prosegue – perchè ci avrebbe permesso di accorciare le distanze con le prime. Abbiamo regalato i primi trenta minuti perchè forse abbiamo avvertito troppa pressione”.

La squadra fatica soprattutto in trasferta: “In casa riusciamo a gestirci meglio, aiutati dall’essere nel nostro stadio e con i nostri tifosi.  Dobbiamo ancora crescere, anche in personalità.  Siamo alla tredicesima giornata  e solo vincendo possiamo arrivare al cento per cento della consapevolezza e della nostra forza. Il calendario fino ad un certo punto non ci ha aiutato, adesso stiamo affrontando squadre che ci permettono di risalire in classifica”.

Due parate decisive in Sicilia.  Una su D’Agosta, spettacolare con la mano di richiamo, l’altra d’astuzia su un rigore in movimento di Corona. “La prima è apparentemente più spettacolare -rivela – ma ormai sono all’ordine del giorno.  La seconda invece era più difficile da fare perchè l’attaccante aveva tutta la porta aperta davanti”.

All’orizzonte c’è la Palmese: “E’ un derby, quindi la partita si carica da sola”.