Home / Sport Strillit / REGGINA / Calcio, Serie B: il Crotone riprende la Reggina sul filo di lana (1-1)

Calcio, Serie B: il Crotone riprende la Reggina sul filo di lana (1-1)

angella_gabriele_italiadi Pasquale De Marte – Mentre a Pescara si viveva il dramma di Piermario Morosini, a qualche centinaio di km l’attualità era ancora una partita di calcio, quella tra Reggina e Crotone.

E’ finita con un pareggio, ma gli amaranto  hanno molto da recriminare avendo subito il gol di Pettinari al 92′ . Una situazione in cui la lettura dell’azione difensiva poteva essere decisamente  migliore.

Una vittoria mancata che probabilmente certifica il definitivo forfait della squadra dello Stretto nella corsa per un posto nei playoff.

PREMESSE – E’ il derby meno derby che ci sia e, in tal senso, gli spalti semivuoti del Granillo non mentono.  Gregucci lancia Alessio Viola dall’inizio,

Drago dopo otto minuti è costretto a rinunciare a Mazzotta per un problema fisico e nella zona difensiva di sinistra ne prendono il posto, in maniera alternata, il capitano Galardo e il neoentrato Maiello.

Si fanno sentire soprattutto i sostenitori pitagorici, almeno un centinaio nel settore ospiti, una rarità per le medie di questo campionato.  Il pubblico di casa, anche se non numeroso, esce alla distanza come un motore diesel.   Gran parte del merito è però degli amaranto, che da subito provano a far valere la propria voglia di vincere per restare aggrappati alle poche speranze di centrare il sesto sposto.

REGGINA PERICOLOSA –  I rossoblù, in occasione dei calci piazzati, soffrono maledettamente la fiscità degli avversari.  Le prime due opportunità da rete sono proprio per Angella, un difensore un proiezione offensiva.   In una  prima circostanza il suo colpo di testa, su servizio di Ragusa dalla destra, non ha la giusta traiettoria, mentre qualche minuto dopo, con il destro, non riesce a superare Belec da posizione vantaggiosa in piena area di rigore.

La replica del Crotone è affidata al suo bomber, Calil ci prova dal limite e trova pronto Belardi.

Per gli amaranto non mancano gli spazi.  Funziona bene l’asse di sinistra composto da Barillà e Rizzato, ma anche Ragusa trova spesso la profondità per crossare con pericolosità.

ANGELLA GOL – Drago mischia un pò le carte con Galardo che torna a fare stabilmente il mediano e il Crotone sembra beneficiarne sotto il profilo della stabilità difensiva.   In realtà nell’ultimo istante del recupero della prima frazione la Reggina passa:  angolo di Barillà e colpo di testa vincente di Angella, che fa centro al terzo tentativo.

NERVOSISMO – Qualcuno si aspettava il duplice fischio di Merchiori prima della battuta dell’angolo e durante il rientro negli spogliatoi l’atmosfera nel tunnel si fa rovente, volano probabilmente parole grosse e l’arbitro espelle Cosenza e Gabionetta.

La Reggina rientra in campo con Antonio Marino al posto di Alessio Viola, 3-5-1 che in pochi minuti diventa 3-4-1 con Ragusa centravanti, perchè le lamentele di Bonazzoli nei confronti del guardalinee Marrazzo diventano motivo per un rosso da estrarre nei confronti del capitano amaranto.

BEFFA FINALE – Gli animi si surriscaldano ulteriomente,  i padroni di casa si difendono con le unghie e con i denti. Belardi para in due tempi un colpo di testa di Abruzzese e poi si oppone a un tentativo dalla distanza di Florenzi, poi nel finale arriva il pari che sa di beffa.

Cross dalla trequarti di Galardo a al 92′ ariva il colpo di testa vincente di Pettinari.   Ma, purtroppo, a fine gara non sarà questo a fare notizia.

REGGINA-CROTONE 1-1,  IL TABELLINO
REGGINA (3-5-2): Belardi; Freddi, Cosenza, Angella; Ragusa(79′ Campagnacci), Barillà (87′ Colombo), Rizzo, Armellino, Rizzato; A. Viola (46′ Marino), Bonazzoli.A disposizione: Zandrini, Montiel, N.Viola,Ceravolo. Allenatore: Gregucci (squalificato, in panchina  Genovese).

CROTONE (4-2-3-1): Belec; Correia (57′ De Giorgio), Vinetot, Abruzzese, Mazzotta(dall’8′ Maiello) ; Eramo, Galardo; Florenzi, Gabionetta, Sansone (64′ Pettinari); Calil. A disposizione: Bindi, Tedeschi, Loviso, Ciano.

Allenatore: Drago.

Ammoniti: Rizzo, Maiello, Ragusa, Abruzzese, Eramo, De Giorgio.

Espulsi: Gabionetta, Cosenza, Bonazzoli.

Marcatore: 47′ Angella (R), 92′ Pettinari (C)

Recupero: 2′, 4′.

Note: 368 spettatori paganti per un incasso di 4715 euro. 3878 spettatori abbonati