Home / Sport Strillit / REGGINA / Calcio – Albinoleffe-Reggina, le parole dei protagonisti

Calcio – Albinoleffe-Reggina, le parole dei protagonisti

serieblogoGIACCHETTA (Direttore Area Tecnica Reggina)

“Torniamo a casa un pò delusi, ma questo è un punto che può tornarci utile nell’economia del campionato. Queste sono partite che si possono anche perdere. Dobbiamo capire l’origine di alcuni black out che abbiamo durante le partite. Stiamo lottando per i primi posti, gli altri ci temono, non a caso in tribuna c’erano osservatori di squadre come il Verona ed il Sassuolo.

ADEJO (Difensore Reggina)

“Potevamo fare molto meglio, il freddo ci ha un pò infastidito, soprattutto all’inizio. Prendiamo questo punto e pensiamo alla prossima gara. Cocco, in occasione del gol, è stato favorito dalla deviazione ed è stato bravo ad anticiparci. Noi giochiamo sempre per vincere e diamo sempre il massimo. Poi può andare bene o male, ma usciamo sempre a testa alta”.

RAGUSA (Attaccante Reggina)

“In nazionale ho vissuto un’esperienza bellissima. Ora penso a far bene alla Reggina, contro l’Albinoleffe non è stata una partita facile perchè loro correvano molto, forse se fossimo andati noi in vantaggio le cose sarebbero andate diversamente. Non possiamo vincere sempre, siamo in zona playoff e lì vogliamo restare. Andremo a Verona per provare a vincere, ma non sarà facile”

RIZZO (Centrocampista Reggina))

“Dedico il gol a mia moglie e a mio figlio. Sono molto felice e spero di continuare così”.

BREDA (Allenatore Reggina)

“E’ stata una gara che ha avuto varie fasi. Ci può stare un pareggio, basti pensare al Torino che ha fatto zero a zero a Crotone. Dopo essere andati sotto non era facile rimettere la gara in equilibrio. Dopo l’uno a uno, però, dovevano continuare a tenere i ritmi alti, visto che sembrava potessimo farcela. Non so se la fase finale della gara sia dipesa da noi o dalla loro reazione, penso che sia stato un pò un mix di entrambe le cose. E’ un punto che dà continuità e muove la classifica. Dobbiamo continuare a lavorare bene e migliorarci. Ci capita di giocare bassi, in realtà non è una scelta difensiva ma una strategia per ripartire con i nostri giocatori abili nelle ripartenze. Rizzo e Castiglia, quest’ultimo nell’inedita posizione di mediano basso, mi sono piaciuti. Oggi ha giocato Pietro Marino in porta, ma so di avere due ottimi portieri. Il campionato è ancora lungo, anche chi è più indietro ha la possibilità di recuperare”.

Fonte Radio Touring 104