Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Capuano: ‘Charpentier e Micovschi possono essere devastanti’

Reggina, Capuano: ‘Charpentier e Micovschi possono essere devastanti’

Eziolino Capuano, ai microfoni di Reggina Tv, ha parlato di due calciatori che presto saranno a disposizione di Marco Baroni e che sono esplosi con lui ad Avellino.

Uno è Gabriel Charpentier, centravanti arrivato in prestito dal Genoa.  Dopo tanti problemi fisici, è pronto a scendere in campo. “Charpentier – ha affermato Capuano –  è un giocatore di prospetto altissimo. Ha notevolissimo attacco di profondità, vede anche la porta. È forte di testa, lavora bene con il terzo tempo. Se non si fosse infortunato già quest’anno avrebbe giocato ad altissimi livelli.  È arrivato a Reggio, dove la Reggina ha avuto il coraggio di prendere un giocatore che viene da un infortunio. Chi lo ha preso di calcio ne capisce, si vede che ha visto le qualità illimitate. Ora Baroni dovrà essere bravo a farlo integrare, quando non giochi da un anno diventa dura. Ma se dovesse tornare quello di un anno fa si vedrà un grandissimo giocatore”.

E in arrivo c’è uno dei maggiori assist-man per Charpentier ad Avellino   “Micovschi – ha rivelato Capuano –  è un giocatore devastante sul lungo. Gli piace venire destro perché ha un gran sinistro, se ti attacca la profondità su campo aperto ne ho visti pochi”.

Poi uno sguardo alla C di quest’anno e dell’anno passato: “La Reggina  è stata non una sorpresa, ma vincere il campionato in maniera così netta con squadre che avevano speso molto di più: cheapeau. Quest’anno la Ternana ha tenuto l’intelaiatura e ha messo quattro-cinque giocatori importanti, su tutti Falletti. Ero convinto che la Ternana potesse fare un campionato importante, ma non tutti questi punti nel girone d’andata. Mi sarei aspettato di più dall’Avellino, è terzo ma ha uno svantaggio elevato dalla prima.  Il Bari sta avendo qualche battuta d’arresto”.

E sulla situazione in casa amaranto: “Mimmo è un grandissimo allenatore. Ci sono dei momenti in cui le società sono state costrette a cambiare. Con l’avvento di Baroni c’è stata una scossa. Non credo la Reggina abbia una rosa da lottare per i play out”.