Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / La Reggina nel mirino degli Usa, club analizzato da fondo di Wall Strett

La Reggina nel mirino degli Usa, club analizzato da fondo di Wall Strett

Avere un presidente empatico e pronto ad investire ha sicuramente più fascino rispetto all’idea che un club possa diventare proprietà di un fondo finanziario con tutta la freddezza del rapporto che ne deriverebbe.

Fa, però, sicuramente piacere rispetto alla qualità del brand il fatto che, a detta del Corriere dello Sport, il club amaranto sarebbe uno dei due club di Serie B al vaglio di Wall Street.

Nell’articolo, occorre precisarlo, non si fa menzione ad alcuna trattativa in corso o proposta. Per cui la notizia è puramente informativa.

Il documento esclusivo del quotidiano romano sottolinea come “il calcio di provincia” inizi a fare gola agli investitori a stelle e strisce.

“C’è una lista – si legge nell’articolo – di diciotto società italiane e due svizzere finite nel mirino di investitori che analizzano forza del brand, legame con la città e potenziale di crescita”.

Il documento sarebbe arrivato in mano al giornale, stando a quanto si legge, “grazie al broker di un fondo di investimento di Miami.

Su Foggia e Latina si che legge che “sarebbe stata fatta una diligence”. Il Trastevere, ad esempio, piacerebbe per la posizione geografica , ma presenta limiti nella crescita dei tifosi.

“Altre analisi – si legge ancora – proseguono a rilento perché la proprietà non ha fornito sufficienti documenti. Un paio mostrano grandi potenzialità, altre sono state bocciate”.

Nel novero ci sono club come Pescara, Catanzaro, Cavese, Foggia, Sambenedettese , Viboense, Acr Messina, Latina, Taranto, Lugano e Chiasso.

Non serve essere strateghi che, tra quelle citate, la Reggina è la squadra con il passato recente più importante e assieme a Pescara, Foggia, Messina e Taranto quella con il bacino d’utenza più importante.