Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Folorunsho match-winner, la Reggina piega la Cremonese: seconda vittoria consecutiva

Folorunsho match-winner, la Reggina piega la Cremonese: seconda vittoria consecutiva

di Pasquale De Marte –  La Reggina chiude il 2020 con una vittoria. E forse doveva andare così, per un anno solare che passerà alla storia per il trionfo maturato a giugno dopo una cavalcata trionfale in Serie C.

Al Granillo cade la Cremonese, in una sfida tiratissima. A fare la differenza sono stati gli episodi. Un gol di Folorunsho a fine primo tempo è stato sinonimo di tre punti, ma il merito della squadra è stato quello di restare sempre concentrata e di  beneficiare di una clamorosa occasione mancata in pieno recupero dagli ospiti che, nel frattempo, erano rimasti in dieci.

E forse questo è un segnale del fatto che il vento potrebbe essere cambiato. Seconda vittoria consecutiva per gli amaranto, settimo punto nelle ultime tre partite. La cura Baroni adesso funziona e ci si può affacciare nel 2021 con la possibilità di guardare con serenità al futuro.

Reggina-Cremonese, la sblocca  Folorunsho

Quella che va in scena sullo Stretto tra Reggina e Cremonese è una tipica partita di Serie B. Tra le due squadre si registra molto equilibrio, tanto tatticismo e quasi quarantacinque minuti in cui sul taccuino le azioni da gol degne di note latitano.

I dati essenziali che si traggono dal match sono quelli che parlano di due squadre che giocano con un atteggiamento quasi speculare. La Reggina, rispetto a Reggio Emilia, propone Bianchi più avanzato, per un 4-1-4-1 già visto a Vicenza.   I numeri contano fino ad un certo punto, perché la Cremonese di Bisoli sceglie il 4-3-3, ma di fatto i lombardi agiscono con cinque centrocampisti per effetto dell’abbassamento degli esterni.

Il match è fatto soprattutto di duelli individuali su cui le due squadre si fronteggiano con grande agonismo. Il giocare a porte chiuse rende partecipi i pochi presenti delle costanti attenzioni rivolte da Pierpaolo Bisoli al più giovane in campo: il classe 2002 Matteo Ghisolfi, a cui il tecnico si rivolge costantemente prima di sostituirlo allo scadere della prima frazione.

In mezzo a tanto equilibrio l’occasione migliore è della Reggina. Cross dalla destra e inserimento di Liotti che colpisce la traversa di testa, sfiorando la sua quinta realizzazione stagionale.

Al 45′ gli amaranto trovano l’episodio che altera l’equilibrio. Di Chiara si guadagna un calcio di punizione dai trentacinque metri. Sul pallone vanno Crisetig e Folorunsho, tocco dell’ex interista per il centrocampista che tira fuori un gran tiro. La deviazione di Valzania in barriera lo smorza un po’ e soprattutto lo rende imparabile per un poco reattivo Volpe. Ed è 1-0,

Reggina-Cremonese: tre punti amaranto con brividi finali

Nella ripresa il match si mantiene equilibrato.  Con l’avanzare del cronometro, Bisoli è costretto a mandare in campo altri uomini offensivi fino al momento in cui schiera il doppio centravanti Ciofani-Strizzolo. Quest’ultimo, appena entrato, si fa espellere per doppia ammonizione dopo un fallo su Crisetig e le conseguenti reiterate proteste.

Ma è proprio in quel momento che la Cremonese trova il modo di rendersi pericolosa per ben due volte.  Prima ci prova Gustafson con un tentativo dal limite su cui Guarna vola a deviare sopra la traversa. Poi il portiere reattivo su una conclusione ravvicinata di Ciofani che, da posizione defilata, trova il modo di concludere da posizione defilata dopo essere scappato a Cionek.

Nel finale la Reggina rischia poco o nulla, ma nei minuti di recupero gli amaranto commettono un paio di errori nella gestione della gara che potrebbero costare caro. Tuttavia, soprattutto Celar grazia gli uomini di Baroni ciccando un pallone che forse andava  solo spinto in porta.  Poco male per i padroni di casa che portano a casa tre punti fondamentali che poco prima avevano sfiorato il raddoppio con Bellomo (bravo Volpe nella circostanza).

SERIE BKT, 16ª GIORNATA

REGGINA-CREMONESE 1-0

Marcatori: 46′ Folorunsho (R)

Reggina (4-2-3-1): Guarna; Delprato, Loiacono, Cionek, Di Chiara (89′ De Rose); Bianchi (89′ Rolando), Crisetig; Situm (81′ Denis), Folorunsho, Liotti (70′ Bellomo); Rivas. A disposizione: Farroni, Guarna, Gasparetto, Peli, Marcucci, Mastour, Vasic. Allenatore: Baroni.

Cremonese (4-2-3-1): Volpe; Zortea, Bianchetti, Fiordaliso (44′ Ravanelli), Valeri; Valzania, Gustafson; Pinato, Ghisolfi (46′ Celar), Nardi (65′ Strizzolo); Ciofani. A disposizione: Alfonso, Zaccagno, Bernasconi, Bia, Gaetano, Schirone. Allenatore: Bisoli.

Arbitro: Maurizio Mariani di Aprilia (Damiano Margani di Latina e Thomas Ruggieri di Pescara). Quarto ufficiale: Ivan Robilotta di Sala Consilina.

Note – Ammoniti: Delprato (R), Valeri (C), all. Bisoli (C), Strizzolo (C), Rivas (R). Espulsioni: al 76′ Strizzolo (C) per doppia ammonizione. Calci d’angolo: 3-2. Recupero: 2’pt; 4’st.