Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / La Reggina aspetta Houdini: Menez può cambiare la storia di questo campionato

La Reggina aspetta Houdini: Menez può cambiare la storia di questo campionato

Sono sette le partite giocate dalla Reggina in questo campionato. Cinque le presenze di Jeremy Menez, una delle quali è durata appena venti minuti. Quindi, in teoria, la si può anche escludere.

La Reggina, nelle prime quattro partite, ha ottenuto sei punti.  Le sfide con Menez in campo sono state stradominate dalla squadra di Mimmo Toscano. Basta passarle in rassegna: Salernitana, Pescara, Entella e Cosenza.

Menez, di fatto, è venuto meno nel momento in cui la squadra ha iniziato a faticare.  Pordenone (pareggio al 90′), Spal (espulso dopo 20 minuti senza neanche troppe colpe) e Empoli.

Casualità? Probabilmente no.  Il francese è l’uomo che tiene di più la palla, che rallenta il ritmo senza farsela prendere degli avversari e di fatto fa andare la partita ai ritmi che la squadra di Toscano preferisce: quelli un po’ più bassi.

Quelli che, ad esempio, non è mai riuscita a mantenere a Empoli, anche per l’assenza di un portare di palla come il francese.  Senza dimenticare che l’ex Roma e Psg è soprattutto capace, oltre che di accentrare il gioco, anche di capacità risolutive.

Si pensi ad esempio alla gara contro il Cosenza dove, in alcune occasioni, si portava anche tre giocatori a spasso, lasciando spazio agli altri.

Non ci sono dubbi sul fatto debba essere lui a dovere e a potere invertire il trend che, per la Reggina, parla di due sconfitte consecutive.

E questo non significa dargli troppe pressioni, anche perchè a lui piacciono e al massimo soffre quando non viene trattato da primo della classe.