Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, la porta è quasi sempre aperta

Reggina, la porta è quasi sempre aperta

I tre gol contro l’Empoli amplificano l’allarme relativo alla permeabilità difensiva.

La sosta, per la Reggina, forse arriva al momento opportuno.  Per Mimmo Toscano ci saranno due settimane per riordinare le idee e valutare ciò che non va.

Lo dicono lo sensazioni e lo dicono i numeri che, in difesa, c’è qualcosa da registrare.  Il tris subito ad opera dell’Empoli può essere considerato la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso rispetto alla necessità di capire errori che appaiono grossolani.

Più volte la squadra nelle ultime partite ha sbagliato letture, è salita in ritardo, ha lasciato i propri marcatori troppo spesso in uno contro uno.  Tutte situazioni che derivano da un organizzazione generale che, nelle circostanze, avrebbe potuto essere migliore.

Come amano dire gli allenatori: è sbagliato puntare il dito sui soli difensori, ma quando si difende si difende di squadra.

Ai tifosi importa poco della forma, ciò che conta è la sostanza. La sostanza richiede che si inizino a subire meno gol.

L’unica circostanza in cui la porta è rimasta imbattuta è stato contro il Cosenza.