Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: plebiscito per il Tanque

Reggina: plebiscito per il Tanque

Non è mai facile per un attaccante superare un momento in cui si fatica a fare gol e si sbagliano due rigori consecutivi.

Non lo è soprattutto se hai 39 anni e c’è qualcuno che si affanna a ripetere che sei finito.  German Denis, però, in campo non dà l’impressione di essere arrivato al capolinea.

In campo si batte come un leone e se per caso, invece, di cogliere il palo avesse fatto secco Berisha con una giocata da applausi oggi forse non si parlerebbe neanche del rigore. Anche perchè probabilmente lo avrebbe realizzato.

A fine partita è stato lui stesso a sottolineare come girava in un certo modo e quest’anno vada in un altro. Basti ricordare, ad esempio, come nella sfida di Avellino ciccò clamorosamente una palla da spingere in rete, ma la sfera rimase lì e paradossalmente concludere a rete diventò più semplice. Sempre nella stessa partita poco prima un suo colpo di testa passò tra le mani del portiere.

I periodi per gli attaccanti esistono davvero. Lo hanno compreso soprattutto i tifosi.

Il Granillo era vuoto e il pubblico non ha potuto tributargli un abbraccio caloroso.

Lo sta facendo sui social network e per i sostenitori amaranto si registra un autentico plebiscito.  I tifosi non lo anno solo per riconoscenza, ma anche perché lo vedono battersi per la maglia come se fosse un ragazzino.

E Reggio che non è abituata ai fenomeni sa apprezzare chi ha voglia di sbucciarsi le ginocchia.