Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, il retroscena di Gagliardi: ‘Notai subito Acerbi, stavo portando Belotti a Reggio’

Reggina, il retroscena di Gagliardi: ‘Notai subito Acerbi, stavo portando Belotti a Reggio’

Quasi trent’anni di Reggina non si dimenticano. Franco Gagliardi quando vede qualcosa di amaranto si comuove.  A lungo è stato capo dello scouting, tecnico delle giovanili e quando serviva ha fatto l’allenatore della prima squadra.

Come nel 1996 quando la Reggina riuscì a salvarsi  miracolosamente in Serie B con quattro vittorie nelle ultime quattro giornate.

Come nel 2014 quando, però, non riuscì a bissare quel successo in coppia con Zanin.

A lui la Reggina di Foti deve tante plusvalenze. L’Avvocato (non è un soprannome, è il suo titolo) aveva l’occhio lungo nello scovare talenti in Italia e nel mondo.

Proprio di questo ha parlato in un’intervista rilasciata alla Gazzetta del Sud: “”Ne potrei elencare diversi, preferisco soffermarmi su Acerbi, difensore dela Nazionale. Subito mi accorsi delle sue qualità e lo presi dal Pavia. All’epoca andai av edre anche Belotti, stavo per farlo venire in Calabria. Jiranek, Vargas, Leon, Carmona e Barreto arrivarono in Italia visionati e segnalati da me”.