Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, doppio Liotti più super Menez: Pescara al tappeto

Reggina, doppio Liotti più super Menez: Pescara al tappeto

di Pasquale De Marte –  Esordio casalingo vincente per la Reggina nel campionato di Serie B.

Gli amaranto superano il Pescara e lo fanno mostrando più consistenza rispetto agli avversari. Nell’economia di una tipica partita di Serie B, contrassegnata dall’iniziale grande equilibrio, i padroni di casa mostrano di essere più pronti rispetto agli abruzzesi.

Per dirla alla Toscano, la sua sua squadra ha il merito di portarsi gli episodi dalla sua parte. Con la fortuna di chi ha subito un rigore sbagliato dall’avversario. Con la bravura di chi ha saputo approfittare dei vistosi errori avversari.

La squadra di Oddo è apparsa davvero poca cosa e visibilmente condizionata dall’essere ancora in corso di costruzione. La Reggina, invece, si gode un Menez che, se in giornata, ad ogni tocco di palla rischia di essere una sentenza per qualsiasi avversario.

E poi c’è il protagonista di giornata: Daniele Liotti. Il ragazzo di Pizzo Calabro che si prende la scena in una squadra piena di grandi firme provenienti da ogni parte del mondo.

 

Reggina: Rolando out

La gara del Granillo non sembra nascere sotto una buona stella per gli amaranto. Nel riscaldamento Rolando si ferma per un risentimento muscolare e in campo va il giovane Delprato. La sua sarà una prova di assoluta affidabilità.

Il Pescara, ancora cantiere aperto, arriva al Granillo con la ferma intenzione di non prenderle. Lo si capisce dall’atteggiamento, a tratti sorprendente per la nomea delle squadre di Massimo Oddo.

La gara resta bloccata a lungo, fatta di contrasti duri e situazioni da fermo. In una di queste il Pescara rischia di trovare la giocata decisiva. Poco dopo il quarto d’ora Galano viene atterrato da Rossi in area di rigore sugli sviluppi di un corner. Per l’arbitro ci sono gli estremi per la massima punizione. Dal dischetto si presenta l’ex barese che spiazza Plizzari, ma prende il palo.

Menez – Liotti: la Reggina va

La Reggina cavalca il pizzico di buona sorte arrivatole e si impossessa della partita. Esattamente dal momento in cui comincia a brillare la stella di Jeremy  Menez e il Pescara a confezionare il suo suicidio calcistico.

La buona pressione amaranto sui portatori di palla avversari regala frutti importanti alla squadra di Toscano.  Minuto 23′: la Reggina approfitta di un errore in uscita dei biancazzurri, Menez prende palla sulla trequarti e serve con il contagiri Denis. L’argentino vince il duello con l’avversario, con il portiere si vede la conclusione respinta dal portiere Fiorillo. Sugli sviluppi dell’azione la zampata vincente è di Daniele Liotti.

Cinque minuti dopo arriva il raddoppio: Menez raccoglie palla sul lato mancino dell’area di rigore e scarica un sinistro che colpisce la traversa interna. Sulla ribattuta il più lesto è Bianchi a fare da torre per Liotti, bravo a trovare la seconda rete della sua giornata.

Nel finale del primo tempo il francese scrive anche il suo nome nel tabellino dei marcatori. Altro sbaglio del fraseggio pescarese nella propria metà campo, Crisetig da sinistra trova Menez in area. Controllo da applausi dell’ex Milan e Roma e conclusione vincente.

Maistro timbra per il Pescara

Il triplo vantaggio acquisito nel primo tempo dalla Reggina svuota di contenuti la ripresa. Il Pescara prova a cambiare l’inerzia del match pescando in panchina, ma a lungo gli amaranto restano in pieno controllo della sfida.

A venti minuti dal novantesimo a riaccendere la sfida ci pensa Maistro che, quasi dal nulla, piazza un destro che si insacca sotto l’incrocio, ma sul primo palo difeso da Plizzari.

Finisce 3-1.

REGGINA-PESCARA 3-1

Marcatori: 23′, 27′ Liotti (R), 44′ Ménez (R, 70′ Maistro (P)

Reggina (3-4-1-2): Plizzari; Loiacono, Gasparetto (46′ Cionek), Rossi; Delprato, Bianchi (55′ Faty), Crisetig, Liotti (55′ Di Chiara); Bellomo; Ménez (81′ Mastour), Denis (68′ Lafferty). A disposizione: Guarna, Rolando, Stavropoulos, De Rose, Folorunsho, Situm, Vasic. Allenatore: Toscano.

Pescara (4-3-2-1): Fiorillo; Bellanova (55′ Masciangelo), Drudi, Scognamiglio, Jaroszynski (73′ Bocchetti); Busellato, Valdifiori (55′ Omeonga), Memushaj (65′ Bocic); Galano, Maistro; Ceter (46′ Asencio). A disposizione: Radaelli, Sorrentino, Elizalde, Fernandes, Ventola, Capone, Riccardi. Allenatore: Oddo.

Arbitro: Valerio Marini di Roma 1 (Alessio Berti di Prato e Davide Moro di Schio). IV uomo: Lorenzo Maggioni di Lecco.

Note – Al 18′ Galano (P) sbaglia un calcio di rigore. Ammoniti: Rossi (R), Bellomo (R), Memushaj (P), all. Toscano (R). Calci d’angolo: 2-4. Recupero: 5’st.