Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: ko a Benevento in amichevole, ma i sorrisi sono tanti

Reggina: ko a Benevento in amichevole, ma i sorrisi sono tanti

di Pasquale De Marte –  Sarà solo calcio d’agosto (pardon, di settembre), ma la Reggina c’è.  Lo si evince dal modo in cui la squadra di Toscano si è disimpegnata per larghi tratti a Benevento.   La prima amichevole pre-campionato si conclude con un ko, ma non è lesa maestà nei confronti di una squadra di Serie A dire che gli amaranto hanno fatto meglio dei giallorossi.

Anche se il risultato, alla fine dice Benevento 2, Reggina 1.

Il tempo dirà quanto nei valori delle prestazioni delle due squadra abbia influito la differenza della condizione di fisica, per il momento gli amaranto incassano i complimenti e possono aumentare l’autostima nel serbatoio.

A maggior ragione se si considerano assenze importanti come quelle di Rivas e Lafferty.

Benevento – Reggina: un primo tempo amaranto da applausi

Sei mesi dopo i tifosi amaranto ritrovano la visione, quantomeno in tv, di una partita degli amaranto. La buona notizia è che la Reggina di Toscano non sembra affatto aver smarrito la sua identità.  Denis e compagni al Vigorito scendono in campo con grande personalità e dimostrano di potersela giocare alla pari persino con una squadra pronta a vivere il campionato di Serie A.

L’avversario è una collettivo solido, che ha stravinto la scorsa Serie B e seppur con qualche assenza può proporre un undici titolare che si avvale di nuovi acquisti del calibro di Glik e Ionita.

Grandi firme che non fanno intimidire la Reggina che offre contenuti tecnici e tattici sensibilmente superiori a quelli campani.  Geometrie valide, verticalizzazioni puntuali e pressing alto, altissimo.

Gli amaranto si reggono sulla difesa solida della passata stagione, sulla spinta di Liotti e Rolando,  la nuova regia di Crisetig e la solita verve di Sounas in appoggio a  Bellomo e Denis.

Ne viene fuori una squadra dopo gli uomini di Toscano hanno il demerito di capitalizzare poco o nulla la supremazia territoriale. L’occasione migliore è proprio per il greco. Liberato dall’argentino, si presenta solo davanti a Montipò e scarica un forte tiro che trova la prodigiosa deviazione sulla traversa del’estremo difensore.

Pochi nei nella prestazione amaranto, giusto qualche disimpegno sbagliato. Come quello che porta Sau a presentarsi davanti a Plizzari, l’attaccante sardo prova a superare invano l’estremo difensore, bravo e reattivo nell’arginare l’avversario.

Nella ripresa dentro Menez-Mastour

I primissimi minuti della ripresa segnalano una Reggina che mantiene molte delle caratteristiche di gioco della prima frazione.  Toscano cambia praticamente tutto l’attacco Reginaldo, Menez e Mastour che rimpiazzano Denis, Bellomo e Sounas.

La scena, però, se la prende Loiacono che, approffittando di un clamoro svarione sannita in disimpegno trova il modo di firmare l’1-0 in avvio di ripresa (54′). Poco prima Mastour aveva fallito un calcio di rigore in movimento.

Il Benevento, però, un po’ a sorpresa ribalta.   In cinque minuti i giallorossi prima vanno a segno con Moncini (56′) e poi con Improta (’61).  La Reggina rivoluzionata dai fisiologici cambi ci mette del suo.

Ma tutte le sostituzioni dei due tecnici fanno si che il ritmo della sfida si plachi e il match vada via verso la fine senza particolari sussulti.   L’occasione, però, è proficua per ammirare un Mastour che offre spazi di classe e funzionali al gioco.

Nel finale il Benevento sbaglia qualche facile occasione da gol, legittimando la vittoria.

Il tabellino di Benevento – Reggina 2-1

Marcatore: 54′ Loiacono (R), 56′ Moncini (B), 61′ Improta (B)

Benevento (4-3-3): Manfredini, Letizia (46′ Tello), Glik (46′ Barba), Caldirola, Foulon (72′ Rillo); Hetemaj (60′ Del Pinto), Schiattarella (72′ Basit), Ionita (46′ Improta); Insigne (60′ Kragl), Moncini (72′ Di Serio), Sau (60′ Caprari) . A disposizione: Gori, Vokic. Allenatore: Inzaghi.

Reggina (3-4-1-2): Plizzari (46′ Guarna); Loiacono (74′ Delprato), Bertoncini, Rossi (46′ Stavropoulos); Rolando, Bianchi (63′ Garufo), Crisetig (46′ De Rose), Liotti (46′ Peli); Sounas (46′ Mastour); Bellomo (46′ Ménez), Denis (46′ Reginaldo). A disposizione: Rechichi, Farroni. Allenatore: Toscano.

Note – Ammoniti: Crisetig (R), Bertoncini (R). Calci d’angolo: 0-3. Recupero: 1’pt; 4’st.