Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Bigon: ‘Ho la Reggina nel cuore, Falcinelli? Gli spiegherò che piazza è Reggio Calabria, se Taibi vuole affondare…’

Bigon: ‘Ho la Reggina nel cuore, Falcinelli? Gli spiegherò che piazza è Reggio Calabria, se Taibi vuole affondare…’

Reggio Calabria è la mia seconda casa. Mia moglie è reggina, i miei primi due figli sono nati lì e ogni estate la passano sullo Stretto. La Reggina è stata la mia prima società da dirigente e la prima da allenatore professionista per mio padre”.

Così Riccardo Bigon, direttore sportivo del Bologna, racconta il suo rapporto con Reggio e la Reggina.

Oggi è protagonista di un discorso con Taibi che potrebbe portare il nuovo centravanti sullo Stretto. Ne ha parlato ai microfoni di Reggina Tv. “Falcinelli – evidenzia –  è in uscita. Non rientra nei piani tecnici dell’allenatore. Mi sono incontrato con Taibi. E’ stato uno dei primi direttori che ho visto. Ho la Reggina nel cuore, se è possibile trovare un’intesa e darsi una mano reciprocamente lo faremo. Abbiamo parlato di qualche calciatore che potrebbe essere interessante per la Reggina. Ne stiamo parlando, da qui a dire che siamo vicini alla chiusura ce ne ne vuole. Esiste una trattativa ipotetica, non credo nel momento in cui da parte della Reggina si volesse affondare il corpo e da parte del ragazzo ci dovesse essere gradimento non dovessero esserci problemi particolari. Non possiamo parlare di percentuali, perché ancora con il diretto interessato non ho ancora parlato.  Certo c’è che se servirà sarò io a spiegarli, eventualmente, che piazza andrebbe a trovare a Reggio Calabria e che progetto c’è”.

E le sensazioni sulla Reggina che vuole tornare grande: “Sto vivendo con grande entusiasmo e felicità questo momento.  A Reggio ho vissuto cinque anni in Serie A.  Sono grato a Foti che mi diede responsabilità e ruoli. Adesso viene da volerla aspettare e volerla in Serie A, però non vogliamo affrettare i tempi. Ho rivisto la voglia di andare al Granillo.   Il calcio è bello dappertutto, ma la Reggina è particolare. Rivedere l’amaranto sui campi che contano è una speranza di tutti i tifosi”.