Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: già tante voci di mercato, ma occhio al presupposto fondamentale

Reggina: già tante voci di mercato, ma occhio al presupposto fondamentale

Reggina in attesa del prossimo Consiglio Federale. Si, perché il campionato non è ancora finito.  Le resistenze di A e B, tuttavia, rispetto alla possibilità di mettere i protocolli sanitari in atto annullano o quasi la possibilità che si possa ripartire in Serie C.

Considerato che tutti gli organi calcistici di massima importanza invitano a tutelare i meriti sportivi acquisiti in stagione ( dall’Uefa in giù), la sensazione che la Reggina debba preparare un prossimo campionato di categoria superiore cresce di più.

In tal senso si iniziano a moltiplicare le voci legate a possibili colpi in entrata della Reggina o addirittura di conferme in blocco della rosa.  Ipotesi che rischiano di cozzare con quello che è un presupposto fondamentale da tenere in conto per il prossimo campionato di Serie C.

Reggina: occhio alla rosa

Allo stato attuale, se dovessero restare le attuali regole, ciascuna squadra di Serie B potrebbe avere solo 18 calciatori  abbiano già compiuto 23 anni.  Nella stagione 2019-2020 tutti coloro i quali erano nati dopo l’1 gennaio 1996 facevano parte della così detta “Lista B” degli under 23. La Lista A, invece, comprendeva  quelli nati fino al 31 dicembre 1995.  A

AqA si aggiunge la la Lista C, quella dei cosìddetti giocatori bandiera, ossia elementi che, indipendentemente dall’età, siano stati tesserati con la stessa società per quattro stagioni consecutive.

Cosa significa questo?

Per facilitare la comprensione si può dire che la Reggina sa già di non avere calciatori idonei alla lista C.  La società amaranto  dovrà perciò comporre la rosa facendo leva su due sole liste.

Reggina costretta a selezionare

Nella lista B quella degli under 23 (nati dopo l’1 gennaio 1997, se come normale, dovesse slittare il limite di un anno) potranno essere inseriti illimitati calciatori. Peccato che, al momento, la Reggina abbia in rossa solo il 97′ Farroni,  il 97′ Bresciani, il 98′ Mastour ed il 98′ Rivas.  Il secondo ed il quarto, tra l’altro, sono in prestito e la conferma è tutta da valutare in sede di mercato, considerata l’eventuale necessità di accordarsi con Livorno e Inter.

Restano, perciò, più di 25 giocatori per la lista A che ben che vada, dovranno essere ridotti a 18.

A ciò occorre aggiungere il fatto che ,con buona probabilità, si lavorerà per aggiungere over di grande livello per fare un campionato di vertice e che toglieranno ulteriore spazio a chi c’è già. Insomma, il lavoro di Taibi anche la prossima estate sembra destinato ad essere delicato e impegnativo.

Avere tanti esuberi potrebbe non agevolare il mercato in uscita.