Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: un piede e tre quarti in B, ma il comunicato della Figc apre a nuovi orizzonti

Reggina: un piede e tre quarti in B, ma il comunicato della Figc apre a nuovi orizzonti

Ci vorrà ancora del tempo prima che gli organi ufficiali decreteranno la conclusione ufficiale del campionato di Serie C e la promozione di Reggina, Monza e Vicenza.

La Figc ha rinviato il consiglio federale dell’8 maggio che avrebbe dovuto valutare  le proposte della Lega Pro.

Il rinvio dipende dalla necessità di interfacciarsi con il Ministero della Salute per valutare la possibilità di riprendere quantomeno Serie A e B, dove le società potrebbero avere le possibilità di far rispettare protocolli sanitari o comunque di isolamento  che la C non potrebbe adottare.

Proprio la C è al centro di dibattiti relativi alla possibilità che si potrebbe creare un nuovo campionato di Serie B con 40 squadre.

Nella nota della Figc è presente un passaggio:

  • Con riferimento all’ipotesi di riforma dei campionati, in particolare sulla Serie C, circolata nelle ultime ore su alcuni organi di informazione e sui social media, la FIGC precisa che nel tavolo di confronto istituito dal presidente Gabriele Gravina con tutte le componenti federali lo scorso gennaio, sono stati discussi diversi scenari, ma i lavori si sono interrotti a causa dell’emergenza da Covid-19. Non appena possibile, è volontà della Federazione riprendere a discutere alcune proposte di riforma nel rispetto delle norme statutarie.

Ognuno interpreta il passaggio in questione a modo proprio.  Gravina parla di notizie diffuse nelle ultime ore, ma sottolinea come di riforma si parlasse anche prima che l’emergenza covid-19 esplodesse nella sua drammaticità.

Allo stesso modo si parla solo di Serie C. Tutte valutazioni che, senza i chiarimenti di Gravina, rischiano di lasciare il tempo che trovano.

Nessuno, prima del coronavirus, immaginava un allargamento della B a 40 squadre. Probabile che le parole diffuse dalla Figc si limitino ad aprire orizzonti in cui ci sarà un dibattito su come salvare il calcio italiano sotto il profilo economico ed evitare il più possibile eventuali ricorsi per l’estate in corso.

Quello che è certo è che la Reggina ha piede e tre quarti in B. Che sia a 20 a o a 40 squadre poco cambia.