Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina – Per Noto è un problema anche far salire solo le prime: ‘Ricordo l’Alessandria…’

Reggina – Per Noto è un problema anche far salire solo le prime: ‘Ricordo l’Alessandria…’

Il presidente Floriano Noto, in un’intervista rilasciata a Tuttomercatoweb, ha rivelato come qualsiasi decisione a tavolino è destinata a lasciare degli scontenti: compresa quella di far promuovere chi è primo in classifica con ampio margine.

Discorso che coinvolge anche la Reggina.  Il patron giallorosso  sottolinea come sebbene il distacco sia ampio il risultato, non essendo acquisito sul campo, potrebbe dare adito a scontentezza da parte di qualcuno.

“Qualsiasi scelta che si fa – ha detto ai microfoni di Tuttomercatoweb – lascia degli scontenti. Faccio un esempio banale: promuoviamo solo le prime? Le seconde sono ad una distanza tale che non possono recuperare? Nel girone A ci sono 36 punti. Due o tre anni fa l’Alessandria perse il campionato con dodici punti dalla seconda”.

Tuttavia, Floriano Noto pone l’esempio per sottolineare come estrarre a sorte la quarta promossa non dovrebbe essere scartata a prescindere come soluzione, tenuto come anche le decisioni più logiche corrono il rischio di aprire strada a infelicità di qualcuno e persino a ricorsi.

“Per quanto riguarda sospensione e annullamento del campionato, credo – ha evidenziato – che siamo ad una larga unanimità, c’è l’intenzione di tutti di finirla qui. Perché c’è anche un problema etico nel pensare a giocare in questo momento. Per quanto riguarda invece meccanismi di promozione e retrocessione si apre un tema molto diverso: qualsiasi metodo o scelta lascia degli scontenti

E sull’eventuale coda della stagione, soprattutto per la decisione della quarta promossa: “Noi avevamo trovato la via dell’estrazione, e capisco che possa sembrare poco sportiva, ma tiene comunque di conto di molti fattori della classifica. Rispettando le posizioni, la decima per salire di fronte a una seconda deve vincere venti estrazioni. Però così ha comunque una chance. Ricordo che il Cosenza due anni fa era 6° o 7° quando mancavano otto partite, poi arrivò 5° e vinse i playoff. Non sempre vince la seconda… Capisco che possa sembrare forte, ma bloccando tutto l’estrazione è la soluzione più giusta. Capisco le preoccupazioni anche di chi ha meritato sul campo, si vedano le prime”.