Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Toscano avverte i suoi: ‘Lasciare alle spalle Catanzaro, il Monopoli è la squadra che ci assomiglia di più ed è una grande del campionato’

Reggina, Toscano avverte i suoi: ‘Lasciare alle spalle Catanzaro, il Monopoli è la squadra che ci assomiglia di più ed è una grande del campionato’

Arriva il Monopoli. Un avversario insidioso, ma che permette alla Reggina di non abbassare la guardia dopo la vittoria di Catanzaro.

“Credo – sottolinea Mimmo Toscano – che il fattore determinante a Catanzaro sia stata la voglia incredibile con cui siamo arrivati. Qualcuno non ha giocato con la febbre, qualcuno ha giocato con la febbre. E’ emersa la voglia di un gruppo e di una squadra che voleva portare a casa la vittoria. Volevare dare continuità a quello che sta facendo. Voleva regalare alla propria gente una partita del genere”.

Toscano ha un debole per la squadra di  Monopoli:”Il Monopoli è la squadra che mi piace di più, perché forse ci assomiglia di più. Ha vinto le stesse partite in trasferta della Reggina, sta facendo cose straordinarie. Le ha fatte anche nella passata stagione. Ha qualità nei singoli. Come in tutte le partite con squadre d’alta classifica servirà un’altra partita perfetta, perché l’avversario lo richiedo”.

A Catanzaro è stato decisivo un giocatore recuperato dopo un lungo infortunio:”Doumbia ha caratteristiche diverse rispetto agli altri attaccanti. A Catanzaro è stato decisivo.  Questo gli può dare consapevolezza e fiducia. Lo abbiamo aspettato”.

Numeri da record per gli amaranto: “Siamo concentrati sulla partita di domani, ma ogni tanto diamo uno sguardo ai nostri numeri.  Questo deve essere la nostra forza. Ripeto da due o tre gare che siamo in un momento decisivo.  Bisogna restare concentrati. L’unico errore che possiamo fare è portarci dietro la partita di mercoledì. Ormai è alle spalle, dobbiamo rivolgere lo sguardo ad una partita contro una squadra d’alta classifica”.

Difficoltà in difesa: “Loiacono bisogna ancora vedere perché aveva la febbre fino a ieri, per vedere il suo stato fisico. Da mercoledì sera che è debilitato, bisogna vedere come sta. Rossi uguale, a Catanzaro ha giocato con 38 di febbre.  Bertoncini è out”.

Toscano non fa calcoli , anzi uno si: ‘Ci mancano sette vittorie, inutile pensare ad altro”.