Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / La Reggina si prende i punti, la Vibonese gli applausi: al Razza è festa amaranto

La Reggina si prende i punti, la Vibonese gli applausi: al Razza è festa amaranto

di Pasquale De Marte –   Vittoria doveva essere e vittoria è stata.  La Reggina espugna il Razza di Vibo Valentia.

Lo fa capitalizzando un rigore trasformato da German Denis, in una partita in cui la Vibonese ha fatto una gran figura.

In uno stadio prevalentemente amaranto (almeno 2500 i reggini presenti),  i padroni di casa si confermano ciò che esattamente si aspettavano potessero essere. La tipica squadra che gioca in velocità, brava ad usare le catene esterne e che sa lavorare in ampiezza con il possesso.

Le difficoltà non fanno che acuire il valore dei punti, sebbene è sembrato che la squadra amaranto ci abbia messo del suo.

Alcune ripartenza dovevano essere concretizzate meglio, visti gli spazi che i padroni di casa concedevano.

Gara dura per la Reggina

Mimmo Toscano, in avvio di partita, sceglie Rivas alle spalle di  Denis e Reginaldo.  La Vibonese si propone con un 4-3-3 piuttosto zemaniano.

La partita è vivace, soprattutto per merito dei padroni di casa che nella prima parte dalla gara corrono tantissimo.

Tra pressing e continue sovrapposizioni sulle fasce, i padroni di casa si fanno preferire agli amaranto.  Gli ospiti avrebbero tante opportunità per ripartire, ma raramente trovano un ultimo passaggio qualitativo.

La prima occasione del match è per Rivas che, per una volta, riesce a scattare sul filo del fuorigioco e rientrando con il destro calcia fuori misura.

Quelle più nitide, però, sono per la Vibonese.  Prima Bernadotto si incunea in area e ci prova con un violento rasoterra neutralizzato da un reattivo Guarna, bravo a mettere la palla lontano da possibili ribattute.

Ancora più netta è quella che porta l’ex Emmausso a calciare alle stelle un rigore in movimento. Nella circostanza gli amaranto pagano un errore in uscita e l’essere infortunato di Rolando che, poco dopo, lascerà il campo a Liotti.

La Vibonese difende alta, attacca con tanti uomini ed accetta il rischio di una difesa alta. La scelta di Toscano sarebbe quella di lanciare Rivas in campo aperto, ma raramente i servizi sono precisi e molto spesso partono da Gasparetto.

La sblocca il Tanque, la Reggina resiste

Al 34′, però, un’azione insistita degli amaranto arriva ad una conclusione dalla distanza di De Rose, intercettata con il braccio da Petermann.  Dal dischetto si presenta Denis  che realizza col cucchiaio.

Per il resto della partita il match si conferma assai complicato per una Vibonese che corre a mille, gioca a memoria e sfrutta forse una migliore brillantezza fisica.

Toscano cerca vigoria in panchina e prova a trovarla in Sounas che sostituisce un sempre prezioso, ma appannato Bianchi.

La Vibonese si conferma pericolosa, ma davanti a Guarna si presenta solo una volta e con Bernardotto  che si fa chiudere lo specchio ancora da una parata del portiere che copre il primo palo su un tiro-cross.

Nel finale sui lanci lunghi Gasparetto giganteggia e la gara va in porto per gli uomini di Toscano..

SERIE C GIRONE C, 24ª GIORNATA

VIBONESE-REGGINA 0-1

Marcatori: 34′ rig. Denis.

Vibonese (4-3-3): Mengoni; Del Col, Redolfi (75′ Altobello), Mahrous, Tito; Tumbarello, Petermann (70′ Taurino), Pugliese (75′ Rezzi); Bubas (57′ Battista), Bernardotto, Emmausso (70′ Berardi). A disposizione: Quaranta, Greco, Prezzabile, Ciotti, Napolitano, Raso, Sgambati. Allenatore: Facciolo.

Reggina (3-4-1-2): Guarna; Loiacono, Gasparetto, Rossi; Blondett, Bianchi (57′ Sounas), De Rose, Rolando (29′ Liotti); Rivas (72′ De Francesco); Reginaldo (57′ Corazza), Denis (72′ Sarao). A disposizione: Geria, Rubin, Mastour, Nielsen, Paolucci, Bellomo. Allenatore: Toscano.

Arbitro: Matteo Gariglio di Pinerolo (Giuseppe Di Giacinto di Teramo e Giulio Basile di Chieti).

Note – Spettatori 3550, di cui 1250 nel settore ospiti. Ammoniti: Redolfi (V), Petermann (V), Bianchi (R), Battista (V), Sounas (R). Calci d’angolo: 4-3. Recupero: 3’pt; 4’st.