Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / La Reggina ha ritrovato il suo gigante: ma non era mai andato via

La Reggina ha ritrovato il suo gigante: ma non era mai andato via

Tra gli acquisti di gennaio della passata stagione Daniele Gasparetto, insieme a Nicola Bellomo, può essere senza dubbio considerato l’innesto migliore.

Sembrava potesse essere un titolare inamovibile in vista della stagione 2019-2020. La rosa della Reggina, invece, è così competitiva che può capitare che neanche lui riesca a trovare spazio.

Bertoncini o Blondett gli sono stati spesso preferiti.  Motivi di passo, considerato che forse nel breve riescono ad essere più veloci dell’ex centrale della Ternana.

Chiamato in causa forse nella partita, al momento, più importante dell’anno è stato uno dei migliori in campo.

Interventi in anticipo, chiusure favorite dalle sue lunghe leve e una capacità di essere praticamente insuperabile di testa.

Antenucci e compagni, con lui nei pareggi, l’hanno vista poco o nulla. Soprattutto perché si sono affidati spesso a lanci lunghi, divenuti sua facile preda grazie ai 195 cm che giocano a suo favore.

Lui non fa drammi per il poco spazio avuto.

“Quest’anno – ha detto – è stata la mia gara  da titolare. Ma come ho sempre detto, anche quando ero io a giocare e qualche compagno restava fuori , la priorità è sempre la squadra . Ogni allenamento bisogna affrontarlo con la massima intensità. Qui ci sono compagni molto forti come Bertoncini e Blondett, di sicuro il mio compito è quello di farmi trovare pronto quando il mister mi sceglie”.