Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Taibi: ‘Vado a Milano per sistemare qualcuno in uscita, ma se c’è occasione…’
Massimo Taibi, Reggina

Reggina, Taibi: ‘Vado a Milano per sistemare qualcuno in uscita, ma se c’è occasione…’

Massimo Taibi, ospite di Vai Reggina su Reggina Tv, ha fatto il punto della situazione dopo i primi giorni del mercato di gennaio.

MERCATO – “Sono arrivati tre giocatori che miglioreranno questa squadra. Ci siamo fatti un’idea di cosa ci mancava e abbiamo avuto la possibilità di portarli a Reggio, anche perché adesso è facile portare calciatori alla Reggina.  Il telefono squilla sempre. Andremo a Milano per sistemare qualche giocatore in uscita. In entrata penso che ci fermeremo così, a meno che non ci sia qualche buonissima occasione per qualche giocatore importante. Come ci insegna il nostro presidente, restiamo attenti.”.

SARAO – “Eravamo già vicini quest’estate, ma lui era già in parola con il Cesena. Ci mancava uno come lui’

SALANDRIA – “E’ uno dei giocatori meno utilizzati. Con i nuovi innesti potrebbe avere anche meno spazio, dato che è arrivato un altro centrocampista. Non vogliamo mandare via nessuno, valuteremo con il suo procuratore”.

TAIBI DA PORTIERE A GIOCATORE – “Se guardo la piazza, da gennaio sembra la piazza di vent’anni fa. Vedere lo stadio pieno è motivo d’orgoglio. Quando sono arrivato avevo voglia di rivedere lo stadio gremito. Quando sono arrivato c’erano 2-3000 persone. Il nostro presidente ha portato entusiasmo e solidità societaria. I miracoli non li fa nessuno”.

TOSCANO – “Di lui abbiamo già detto tanto. Non ci sono aggettivi per descrivere uomo e allenatore. Quello che io riconosco in lui è che, pur essendo reggino e tifoso amaranto, riesce ad essere razionale. Dividere il tifoso dal professionista gli costa molto, ma resta meticoloso.  Ha un grande staff e lavorano in una maniera maniacale. Questa è la forza di quest’allenatore che, ancora oggi, non molla una virgola. E’ convinto che questa squadra ce la può fare se i ragazzi lo seguiranno fino alla fine. Quest’anno per lui può essere un viatico per allenare in altre categorie, dove può starci”.