Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina – Alla scoperta di Nielsen, dall’Europa League agli amaranto: come Toscano può utilizzarlo

Reggina – Alla scoperta di Nielsen, dall’Europa League agli amaranto: come Toscano può utilizzarlo

Nielsen è il calciatore che la Reggina si è regalata per potenziare il centrocampo.  Il primo punto da chiarire è che non si tratta di Nickie Bille che, un decennio fa, vestì la maglia amaranto e di professione fa l’attaccante.

Matti Lund, invece, è un centrocampista piuttosto eclettico e dotato di grande duttilità. Classe 1988, può ormai essere considerato un uomo d’esperienza e che, nella Serie B italiana, si è sempre disimpegnato con squadre che hanno giocato ad alto livello.

Basti pensare al Pescara di Zeman promosso in Serie A.

Pedigree importante

Per capire che tipo di giocatore sia, bastare un’occhiata ai numeri: tra A e B in Italia ha messo insieme 85 presenze, 6 gol e sei assist. Niente male per un centrocampista e soprattutto su quei palcoscenici.
Fuori dall’Italia ha quasi sempre giocato in massimi campionati. Da tre stagioni giocava nel Sarpsborg, primo livello norvegese. Per lui anche sei presenze in Europa League nella stagione 2018-2019.. In competizioni ufficiali ha messo insieme 135 presenze, 11 gol, 9 assist.
Si tratta di un giocatore che solo poche settimane fa ha visto finire il suo campionato, svincolandosi e può essere considerato non lontano dalla migliore forma.

Come può essere utilizzato e pezzi forti

Nielsen è un centrocampista molto completo. Molto bravo con i piedi, è un destro naturale, ma riesce ad utilizzare all’occorrenza anche il sinistro. Dotato di buona forza fisica, si fa apprezzare per la sua capacità di inserirsi sui calci piazzati nel gioco aereo (184 cm) in pieno stile nord europeo, sa anche inserirsi in fase di manovra, fornire assist e concludere dalla distanza.

Il giocatore che forse gli assomiglia di più nella Reggina è Nicolò Bianchi, ma può giocare anche al posto di De Rose o come mezzala sinistra.

La cosa incredibile è che, nel complesso, risulta essere una pedina diversa rispetto a tutte le altre, conferendo ancora più scelta a Mimmo Toscano.

Se sta bene e nulla fa credere il contrario visto che fino a dicembre giocava, potrebbe essere un crack.

Quello che è certo è che avrà da sudarsi il posto.