Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Ancora Denis decisivo, la Reggina espugna Avellino

Ancora Denis decisivo, la Reggina espugna Avellino

di Pasquale De Marte –  La Reggina ottiene la quarta vittoria consecutiva, il dodicesimo risultato utile consecutivo, l’imbattibilità ed il primato in campionato.

Al Partenio finisce 1-2.

Gli amaranto vincono una partita complicatissima, grazie ad una doppietta di German Denis entrato nella ripresa.

Dopo un primo tempo in cui la squadra amaranto aveva sprecato molto, pur non brillando, l’ingresso dell’argentino ha regalato quell’incisività che era mancata nel corso della fase iniziale della partita.

Qualche brivido nel finale dettato da un palo che avrebbe potuto regalare il 2-2 ai biancoverdi racconta che, per restare al vertice, ci sarà sempre e comunque da migliorare, soprattutto in fatto di concretezza.

 

Avellino-Reggina: le chance sono per Reginaldo

Al Partenio va in scena la partita che ci si aspetta. Toscano, in avvio, sceglie di preferire Reginaldo a Denis, riproponendo fedelmente la stessa squadra che ha giocato contro il Picerno.

Davanti c’è un avversario come l’Avellino che preferisce rimanere prudente nella propria metà campo, lasciando l’iniziativa agli amaranto, provando ad offendere con ripartenze e calci piazzati.

Nei primissimi in cui la Reggina sembra pagare lo scarso feeling con il sintetico dello stadio biancoverde, c’è subito spazio per un’occasione per parte: prima Reginaldo, poi Charpentier da distanza ravvicinata non trovano la zampata vincente.

Con il passare dei minuti il filone del match si assesta, con una formazione che ospite che prova a muovere la palla in una maniera tale da poter trovare l’imbucata giusta per attaccanti e inserimenti dei centrocampisti.

E’ sempre il brasiliano  Reginaldo ad  avere almeno altre due palle buone per il vantaggio amaranto: nel primo caso anticipa tutti su un cross di Garufo da destra, ma il difensore Zullo salva quasi sulla line,a poi solo davanti al portiere avversario Tonti non riesce a superarlo in uscita.

La gara vive di fiammate, corrispondenti alle fasi in cui riesce ad alzare il ritmo e  a trovare spazi. Nel complesso lo squilibrio di esperienza e reattività delle due squadre, testimoniato anche dalla classifica, si nota.

In avvio di ripresa sono sorprendenti le mosse di Toscano che sceglie di rimpiazzare il capocannoniere del campionato Corazza con Doumbia e Bellomo con De Francesco.

Avellino-Reggina: la sfida di accende nella ripresa

Il secondo tempo si presenta con una delle situazioni analoghe al primo con Reginaldo lanciato verso la porta e fermato dall’uscita a valanga di Tonti, sul prosieguo dell’azione Garufo prova ad aggirare il portiere ma il suo tentativo sbatte sul muro biancoverde a difesa della porta sguarnita.

La Reggina, ad un certo punto e nel complesso, sembra pagare dazio alle tre partite in una settimana. Toscano cerca forze fresche in panchina e inserisce Denis e Salandria al posto di Reginaldo e De Rose.

Il paradosso è che, nel momento in cui l’Avellino pare trovare coraggio, la Reggina passa.  Al 63′ cross dalla destra di Bianchi e colpo di testa poderoso del Tanque e palla in rete.

Al 68′ arriva anche il secondo:  De Francesco ruba palla a Kraric e se ne va sulla destra, palla in mezzo ed ancora Denis fa 2-0, in due tempi.

Dopo tre minuti commette l’errore di consentire agli irpini di rientrare subito in partita: cross da sinistra, Charpentier fa 1-2.

Poco dopo l’Avellino ha subito la palla del pareggio, ma il tentativo dai venticinque metri a giro trova l’opposizione di Guarna che devia sul palo.

SERIE C GIRONE C, 12ª GIORNATA

AVELLINO-REGGINA 1-2

Marcatori: 64′, 69′ Denis (R), 72′ Charpentier (A).

Reggina (3-4-1-2): Guarna; Loiacono, Blondett, Rossi; Garufo, De Rose (57′ Salandria), Bianchi (80′ Gasparetto), Rolando; Bellomo (46′ De Francesco); Reginaldo (54′ Denis), Corazza (46′ Doumbia). A disposizione: Farroni, Lofaro, Marchi, Paolucci, Bresciani, Rubin. Allenatore: Toscano.

Avellino (3-5-2): Tonti; Zullo, Laezza, Illanes; Celjac, De Marco (71′ Rossetti), De Pauloantonio, Micovschi, Parisi (46′ Karic); Albadoro (71′ Alfageme), Charpentier. A disposizione: Pizzella, Abibi, Palmisano, Njie, Carbonelli, Evangelista, Silvestri, Petrucci. Allenatore: Capuano.

Arbitro: Matteo Gariglio di Pinerolo (Claudio Gualtieri di Asti e Mattia Massimino di Cuneo).

Note – Spettatori 4524, di cui 275 ospiti. Ammoniti: Celjak (A), Micovschi (A), all. Capuano (A), Blondett (A), all. Toscano (A). Espulsi: Calci d’angolo: 4-3. Recupero: 3’st.

Ancora Denis decisivo, la Reggina espugna Avellino