Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Catanzaro, le pagelle di Strill.it

Reggina-Catanzaro, le pagelle di Strill.it

GUARNA 6,5 – Gioca un’infinità di palloni con i piedi, sempre con la massima sicurezza. Bravo anche in porta.

LOIACONO 6 – Da un suo anticipo sbagliato nasce l’espulsione di De Rose, per il resto tiene botta.

BLONDETT 6 – Inizialmente perde qualche duello fisico con Bianchimano, poi la sua partita migliora

ROSSI 6,5  – Solita partita giocata con intelligenza dopo un errore iniziale.  Innesca anche Bellomo nell’azione del gol di Corazza.

ROLANDO 6  – Prova a usare le doti fisiche che sono da altra categoria, difetta nell’ultimo passaggio. Nella ripresa si sposta a destra.

(73′ DENIS 6 – Primi segnali dal Tanque.  Di Gennaro gli nega il gol)

BIANCHI 6 – Non sembra al top della forma. Inizialmente soffre il ritmo avversario, poi però trova il modo di rendersi prezioso.

DE ROSE 5 – Solita buona partita, fino al momento dell’espulsione. Sapendo di essere ammonito, poteva forse evitare di affondare su Kanoutè indipendentemente dalla decisione del’arbitro. A Monopoli si riposerà, la Reggina ha bisogno di lui.

BRESCIANI 6 – Partita difficile per gli esterni contro Auteri. Commette qualche ingenuità con la palla al piede

(56′ GARUFO 6 – Una palla persa in maniera pericolosa, per il resto lui risponde sempre presente.)

BELLOMO 7 – Assist decisivo. Ma è il contorno della sua prestazione che fa la differenza: lotta come un leone, se ci si aggiunge la qualità tecnica non si può chiedere di meglio.

REGINALDO 6 – Gioca meno di un tempo, fa quello che può e spesso egregiamente.

(40′ SOUNAS 7 – Un fattore nell’economia della partita. Lui del ritmo del Catanzaro se ne è fatto un baffo, spesso ha doppiato gli avversari).

CORAZZA 7  – Non si vede molto nel corso della partita, sebbene la sua sia una prova sempre positiva e generosa. La sua presenza costante più importante è nel tabellino dei marcatori.

TOSCANO 7 – Trovarsi in dieci prima della fine del primo tempo, metterebbe in difficoltà chiunque. Non lui che con i cambi, di fatto, decide la partita. La presenza a sinistra di Bellomo non è casuale nell’azione del gol.