Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Bertoncini: ‘Il campionato si decide con le piccole, torno domenica? Non credo…’

Reggina, Bertoncini: ‘Il campionato si decide con le piccole, torno domenica? Non credo…’

“Con la Paganese è dura che io possa esserci, con il Catanzaro probabilmente si”.

Davide Bertoncini, ospite di Vai Reggina, ha annunciato di essere sulla via del recupero.  All’orizzonte la sfida di Pagani, passaggio cruciale secondo il difensore amaranto.

“Il campionato – ha detto – si deciderà con i punti fatti con le piccole. A Pagani sarà importante per noi, se non ce la faremo giocando bene, dovremo fare risultato con altre armi. Il campo potrebbe non aiutarci a dire la nostra sul piano tecnico. Il cammino è lungo, si presenteranno difficoltà e momenti in cui faremo più fatica a portare i risultati. Lì servirà la bravura nostra, del mister, del gruppo e la compattezza dovranno tirare fuori il meglio. Cullarsi sarebbe un errore”.

La Reggina, al momento, ha un neo nel suo cammino. “Manca  – ha sottolineato Bertoncini – la vittoria fuori casa, siamo pronti per andare a cercarla fino all’ultimo minuto”.

Bertoncini è chiaro sugli obiettivi: “Puntiamo ad un campionato di vertice. I giocatori sulla carta sono forti anche a  Terni ed anche a Bari. Strada facendo dovremo essere bravi a impostare il cammino nel verso giusto.

“Si è creata – prosegue – una bella affinità tra di noi, speriamo di continuare a dimostrare sul campo”.

Il difensore ha poi parlato delle difficoltà del campionato: “Il Girone C, per mia esperienza, è quello più difficile. Ci sono diverse squadre che hanno speso milioni di euro per vincere ed è difficile per i campi in cui si va a giocare”.

Bertoncini parla del Granillo:”Prima partita è stata quella con il Vicenza. C’erano 7000 persone, che non mi sarei aspettato di vedere ad agosto in Coppa Italia. La gente è venuta allo stadio a tifare la propria città. Vedere la curva piena è stata una cosa veramente forte che ti dà una spinta veramente forte. Qui c’è davvero il dodicesimo uomo in campo”.