Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina – A Pagani la partita ‘diversa’ di Reginaldo

Reggina – A Pagani la partita ‘diversa’ di Reginaldo

L’arrivo di Reginaldo a Reggio Calabria è stato accolto con un pizzico di ironia e scetticismo.

L’idea che una squadra ambiziosa potesse affidarsi ad un trentaseienne non convinceva buona parte dell’opinione pubblica.

Sono bastati pochi tocchi di palla per capire che il brasiliano dà del tu al pallone come pochi altri in Serie C.

Lo scatto non è quello della gioventù, ma quando la sfera passa per i suoi piedi è quasi impossibile sfilargliela e la sua intelligenza tattica consente di trovar pertugi per suggerimenti in spazi e situazioni di gioco che quasi vede solo lui.

Nel 2014, quando aveva 31 anni, aveva pensato di smettere.

Dopo l’esperienza del ritorno al campionato brasiliano e la nascita della figlia voleva dire basta.

A sorpresa, però, si prospettò l’ipotesi di ricominciare da Pagani. 31 partite  e 11 gol che l’hanno fatto tornare giocatore.

E proprio la Paganese sarà il suo prossimo avversario.

La squadra che gli ha fatto da trampolino per un’esperienza di vertice a Trapani (con 7 gol in sei mesi) prima del ritorno in B alla Pro Vercelli.

Adesso, dopo l’anno nell’ambizioso Monza, c’è la Reggina che conta anche e soprattutto sulla sua classe.