Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Triangolare del Centanario- Reggina: altra buona prova con la Salernitana, altro ko ai rigori

Triangolare del Centanario- Reggina: altra buona prova con la Salernitana, altro ko ai rigori

La Reggina, come avvenuto contro il Bari, perde contro la Salernitana ai rigori, dopo aver probabilmente meritato la vittoria nei quarantacinque minuti regolamentari del torneo che vede gli amaranto arrivare terzi dietro i granata.

La terza sfida del triangolare Carmine Rinaldi è resa vana dalla doppia vittoria del Bari: ai rigori contro gli amaranto, 1-0 contro i granata. Il trofeo è, dunque, dei galletti.

Leggi anche: Triangolare del Centenario – Buona Reggina, ko ai rigori con il Bari

Questo, però, non toglie valenza alla gara da quarantacinque minuti che si gioca tra i padroni di casa e la squadra dello Stretto. Non mancano, infatti, le buone indicazioni, soprattutto per Mimmo Toscano.

La Reggina finita sotto per effetto di un gol di Calaiò (rigore parato da Guarna e tap in vincente) esce alla distanza, dimostra di avere forse una condizione fisica migliore degli avversari ma anche qualche idea più chiara.

Nonostante una difesa sperimentale con Zibert centrale destro, accanto a Redolfi e Marchi, gli amaranto fanno vedere buone cose soprattutto a centrocampo dove l’asse Marino, Salandria (vertice basso), Paolucci ha dinamicità tale da riuscire a mettere in difficoltà gli avversari sul piano della corsa e del palleggio.

In attacco, poi, c’è un Doumbia in più che, alla prima palla buona, fa centro e regala il pareggio ai suoi, dopo un ottimo recupero in pressing.

Poco dopo Corazza ha la palla buona, ma da pochi passi spara a lato.

Sono poche le fasi in cui la differenza di categoria si avverte e accade in un break che porta alla conclusone ravvicinata di Firenze, neutralizzata da un grande intervento d’istinto di Guarna, protagonista di una buona serata.

Nel finale, invece, gli amaranto vanno ad un passo dal meritato gol vittoria: eccellente suggerimento di Salandria per Doumbia che di testa non impatta bene, mentre la palla sta per insaccarsi arriva un salvataggio che evita il ko ai granata.

La sequenza dei rigori:

Corazza parato – Kiyine gol

Paolucci gol –  Firenze gol

Salandria parato – Odjer gol

Doumbia parato