Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: due colpi per sapere chi sei

Reggina: due colpi per sapere chi sei

E’ iniziato il mese d’agosto. Quello che sin dall’inizio del mercato è stato indicato da Massimo Taibi come il periodo in cui si sarebbe potuto rifinire l’organico con elementi di grande qualità.Q

Questa, infatti, è la fase in cui i top player di Serie C sono costretti ad abbassare le pretese.  A parte Bari e Monza, attualmente, nessun orizzonte in terza serie sembra essere più dorato di quello amaranto e pertanto, considerato che le caselle delle due squadre si stanno riempiendo nella loro interezza, più passano i giorni e più cresceranno le possibilità che un calciatore abbia tutto l’interesse a raggiungere lo Stretto.

A ciò, come espresso sempre dal ds, si innesca un meccanismo in cui le squadre di Serie B iniziano a fare il punto sugli organici, a ricevere qualche esubero proveniente dalla Serie A e a generare un effetto domino che può portare in Serie C giocatori in grado di fare la differenza.

Difficile attualmente dare una dimensione alla rosa amaranto, che è sicuramente di livello assoluto.

Resta però una convinzione: per essere la credibile alternativa al Bari o per equiparare l’amalgama di un Catanzaro consolidato, quanto fatto non basta.

Servono almeno due colpi importanti: un grande esterno sinistro e una prima punta che sposta gli equilibri.

I sogni erano Donnarumma e Bocalon, al momento irraggiungibili per motivi diversi.

I giocatori dello stesso lignaggio non mancano, però per cullare sogni di gloria servono due giocatori di quel livello.