Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: cinque posizioni da scalare, quattro colpi da non sbagliare

Reggina: cinque posizioni da scalare, quattro colpi da non sbagliare

La Reggina, in attesa di definire l’accordo con Mimmo Toscano, è già proiettata con la testa alla prossima stagione. Massimo Taibi ha fatto sentire la propria voce a diversi calciatori che, con il benestare della nuova guida tecnica, potrebbero rientrare nel progetto di una squadra ambiziosa.

Si  punta a giocarsela per la vittoria finale. Obiettivo non semplice, considerato che, ad esempio, ci sarà un Bari pronto a spendere dieci milioni di euro per vincere il torneo e altre squadre potrebbero beneficiare di un progetto vincente già partito nella scorsa stagione. Catanzaro, Trapani e Catania sono l’esempio.

La Reggina, dal canto suo, riparte da un settimo posto che, al netto della penalizzazione, è un sesto. Per arrivare in vetta occorre recuperare cinque posizioni.  E, a ben guardare una ventina di punti che dovranno essere messi in carniere andando a piazzare quei quattro colpi che fanno il bello ed il cattivo tempo in categoria.

Difficile, al momento, capire quanti saranno i calciatori confermati. Di certo c’è che Taibi ha già fatto capire che sarà costruita una spina dorsale particolarmente esperta ed avvezza a giocare il campionato con profitto, ossia abituata a vincere.

Un portiere di primo livello, un centrale che aumenti la solidità del reparto difensivo (Conson è in bilico?), un regista di passo  e piede e un attaccante che garantisca doppia cifra e presenza in area.

Non sbagliando quei quattro tasselli è certo che la Reggina farà meglio della passata stagione. E non va dimenticato che, ad esempio, bisogna praticamente rifare le fasce considerata la presenza del solo Kirwan.

Si attendono, comunque, le disposizioni del nuovo tecnico per iniziare a sferrare gli attacchi decisivi.