Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Taibi: ‘Con Cevoli nessun problema, in disaccordo solo a dicembre. L’esonero? Ho sbagliato’

Reggina, Taibi: ‘Con Cevoli nessun problema, in disaccordo solo a dicembre. L’esonero? Ho sbagliato’

Massimo Taibi e Roberto Cevoli, per molti tra i due non corre buon sangue. Il direttore sportivo amaranto, però, ci tiene a precisare il contrario: “Con mister Cevoli, sembrerà una cavolata, ci siamo lasciati in ottimi rapporti. Tutto è nato da quando qualcuno ha scritto che con Cevoli ho avuto problemi extra-calcistici. Io con lui ho avuto una veduta di situazioni diverse, soprattutto nel periodo del fallimento”

A dicembre, prima della sfida con la Vibonese, la squadra intendeva scioperare per non il mancato ottenimento degli stipendi.  “Io non ero d’accordo sul fatto che scioperassero. Ho detto che avremmo dovuto aspettare. Potevano sbloccare i soldi o sarebbe potuto entrare qualcuno in società come è successo. Ho avuto ragione”.

Da lì a poco sarebbe arrivata la telefonata di Iiriti, braccio destro del nuovo patron, che annunciava l’acquisto della squadra solo qualora i giocatori fossero andati in campo. ” Il dottor Gallo, persona starordinaria, ha fatto – rivela Taibi – i bonifici prima del compromesso. Se io mi fossi schierato per lo sciopero oggi non saremmo qua. Era da luglio che martellavo per questa società,mi piangeva il cuore che cinquanta famiglie potessero andare a casa. Dopo l’entrata di Gallo ci siamo chiariti”.

Poi il retroscena sull’esonero: “Quando l’ho esonerato ci siamo abbracciati. Lo abbiamo mandato via perché dopo la partita con il Catanzaro perché non l’ho visto convinto. Oggi vi dico che mi sono sbagliato. Lui ha fatto un lavoro immenso da luglio. Oggi di Drago dico che è una persona per bene, ma che i risultati mi hanno dato torto. Con Cevoli mi sono sentito tutto il giorno. Mi è dispiaciuto leggere che noi due abbiamo litigato.

Leggi anche:

Reggina, Taibi: ‘Tutte le decisioni tecniche sono mie, ho fatto anche errori, ma mi rimprovero solo una cosa’