Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Drago si presenta: ‘La Reggina deve tornare dove le compete’

Reggina, Drago si presenta: ‘La Reggina deve tornare dove le compete’

Massimo Drago riparte dalla Reggina. Poco lontano dalla sua Crotone e da dove ha iniziato ad allenare ad alto livello

Per la Serie C é un novizio, ma il club del presidente Gallo lo ha scelto per la sua capacità di fare giocare bene tanti giocatori offensivi senza far perdere l’equilibrio alle sue squadre.
A Crotone ha lanciato uomini come Florenzi, Bernardeschi e Sansone.
A Reggio non gli si chiede di lanciare giovani, ma di portare la squadra in Serie B entro un anno e mezzo.

“La Reggina – ha detto – per me é un punto di arrivo e non di partenza . Sono molto motivato perché ho la possibilità di lavorare con chi ha lo stesso sangue dentro”.

Drago ha ben chiari gli obiettivi: ‘La Reggina deve tornare nella dimensione che le compete. Domenica si é visto uno spettacolo sugli spalti degno di altre categorie”.

Da Drago ci sono stati complimenti anche a Cevoli per i risultati raggiunti in condizioni difficili.

Drago ha ammesso di aver già studiato la squadra, esprimendo una preferenza tattica: “Contro il Catanzaro la squadra é stata più ordinata con la difesa a quattro. Giocando a tre sembrava che gli avversari avessero più uomini”.

Drago gongola poi di fronte all’abbondanza offensiva: “Ho sempre fatto il 4-3-3 ed il 4-2-3-1. Abbiamo esterni offensivi sia destri che mancini in grado di giocare a piede invertito. Gli attaccanti sanno fare le due fasi. Bellomo poi lo conosco da 20 anni, da quando allenavo i giovanissimi del Crotone. Tutto però dovranno guadagnarsi il posto”.

Poi un pensiero per i tifosi: “É un onore far parte della Reggina, spero di vedere sempre più gente allo stadio”.