Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: obiettivo -6, il percorso e la strategia

Reggina: obiettivo -6, il percorso e la strategia

La Reggina, in attesa del closing, ha una partita sportiva importante: limitare a sei i punti di penalizzazione.   I margini sembrano esserci.

Pur non avendo rispettato i termini perentori del 15 ottobre per i contributi di luglio e agosto e quello del 17 dicembre per stipendi e contributi di settembre ed ottobre.  Essere una società nuova in grado di aver sanato il pregresso, unitamente alla richiesta di rateizzazione (condizione oggettiva) già accettata dall’Inps per i primi contributi non pagati, dovrebbe rappresentare una condizione sufficiente a scongiurare la recidiva che comporterebbe due punti in più rispetto ai sei già praticamente certi.  Le attenuanti,  in sede di dibattimento, pare non manchino.

Riguardo alla fideiussione, invece, la situazione è più difficile da spiegare, ma paradossalmente più positiva.  La Corte d’Appello Federale ha  ridato legittimità alla delibera commissariale che obbligava i club a sostituire la fideiussione Finworld,  altrimenti sarebbero stato sanzionati con 350.000 euro di multa e otto punti di penalizzazione.

In primo grado la delibera era stata annullata dal Tribunale Nazionale Federale.  Occorre specificare, però, che non si conoscono ancora le motivazioni della sentenza avuta in secondo grado.  Per assurdo (o neanche troppo)  la Reggina, al momento, non è in una posizione irregolare, avendo avuto ragione davanti al Tfn.

Non è detto  perciò che nelle motivazioni della sentenza della Corte d’Appello Federale ci sia una sentenza retroattiva ed è probabile che, ad esempio, venga disposta una sostituzione entro un nuovo termine.

A quel punto la Reggina non avrebbe alcun problema, con la nuova società, a rimpiazzare la garanzia fideiussoria.

Qualora, invece, la sentenza abbia valore retroattivo, la Reggina avrebbe possibilità di fare un ulteriore ricorso al Collegio di Garanzia del Coni.

Ottenendo ancora esisto negativo, verrebbe messo in piedi il processo sportivo attraverso il deferimento da cui il club amaranto potrebbe difendersi su più gradi, andando contro tempi biblici che, nessuno, Federazione compresa desidererebbe.