Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: ora viene il bello ed anche il difficile, soprattutto in casa

Reggina: ora viene il bello ed anche il difficile, soprattutto in casa

La gara che il 30 dicembre la Reggina disputerà al Granillo contro il Trapani rappresenta uno dei passaggi chiave del campionato.

Non solo perché, di fatto, rappresenterà l’ultima uscita prima della pausa invernale o la prima del girone di ritorno.

La Reggina, infatti, dopo l’ultima escalation di risultati è chiamata a confermarsi.

E non sarà facile.

Il match contro i granata rappresenterà il primo di una lunga serie che vedrà le prospettive capovolte rispetto al girone d’andata.

Nel girone ascendente, infatti, gli amaranto hanno provato a capitalizzare l’aver affrontato tra le mura amiche (non sempre, considerata la prolungata indisponibilità del Granillo), soprattutto squadre di seconda fascia.

Guardando la classifica adesso ci si accorge come, ad esclusione della capolista Juve Stabia,del Monopoli e della Vibonese, nessuna fra le altre prime dieci della graduatoria sbarcherà sullo Stretto avendolo già fatto all’andata.

Trapani, Catania, Catanzaro, Rende, Vibonese e Casertana dovranno far visita agli amaranto.

Considerata la batteria di contropiedisti a disposizione di Cevoli non è detto questo sia necessariamente uno svantaggio, pur essendolo oggettivamente.