Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Taibi: ‘ Ho parlato con la nuova proprietà, Reggio deve tornare in Serie A, ora riempiamo il Granillo”

Reggina, Taibi: ‘ Ho parlato con la nuova proprietà, Reggio deve tornare in Serie A, ora riempiamo il Granillo”

‘Siamo stati bravi a reagire dopo qualche partita con esito negativo, come le sconfitte nel finale a Catania e Catanzaro. Siamo riusciti a fare quadrato e a legittimare la posizione del tecnici rispetto a voci che provenivano dall’esterno. Oggi siamo settimi e il nostro lavoro sta dando i frutti”.

Massimo Taibi, ds della Reggina, ospite di Radio Touring e Momenti Amaranto , ha commentato così l’attuale momento della squadra amaranto.

Inevitabile un pensiero sulla società che sta cambiando proprietà: “Abbiamo di fronte una famiglia seria. Bisogna dare atto a questa famiglia di aver speso tanto (a volte male) e di aver fatto di tutto per salvare la società da un momento drammatico attraverso la cessione con delle trattative che già io sapevo fossero avviate. Una situazione del genere si poteva ribaltare solo coi fatti”.
Sulla Reggina arriveranno dei punti di penalizzazione in ogni caso: “Dà molto fastidio, perderemo qualche posizione, ma per fortuna abbiamo fatto tanti punti e la sentiremo meno”.

“Mi é stata data – afferma Taibi – la possibilità di tornare a Reggio dopo che lo aspettavo da tanti anni. Questa città me la sento dentro da sempre e ancora di più da direttore sportivo perché la vivo sotto più punti di vista. Vent’anni fa era diverso, c’era l’entusiasmo della Serie A ed il benessere. Oggi però nulla é cambiato con il rapporto che ho con Reggio Calabria e superare le difficoltà che abbiamo avuto quest’anno sarebbero grandi cose”.

Ci si chiede se a questo punto con la nuova società l’esperienza di Taibi proseguirá: “Mi piacerebbe restare, portare a compimento le cose che abbiamo messo in piedi. Come ho detto in tempi non sospetti la Reggina deve tornare in Serie A, deve farlo con o senza Taibi. Il cambio di proprietà é fatto per migliorare. Valuteranno loro il percorso che abbiamo fatto”.

Ci si chiede cosa accadrà sul mercato di gennaio: “Parleremo con la nuova proprietà e vedremo eventualmente il da farsi. Partiamo con uno zoccolo duro importante. Mi chiederanno di rafforzare la rosa? Credo sarà così (ride ndr)”.

Poi un augurio in vista della sfida di domenica contro il Trapani, quando in tribuna siederanno due esponenti della nuova società: “Da sette mesi spiego ai ragazzi cosa significa il Granillo pieno. Ho visto una partita a maggio dello scorso anno e la curva era vuota, ora inizio a vederla un po’ più piena e spero le cose possano andare nella stessa direzione negli altri settori”.