Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Pazza Reggina: pessima per più di un’ora, poi clamorosa rimonta sul Rieti

Pazza Reggina: pessima per più di un’ora, poi clamorosa rimonta sul Rieti

di Pasquale De Marte –  La Reggina rende memorabile una giornata che stava per diventare nefasta.  Gli amaranto giocano in maniera pessima per oltre un’ora di gioco, offrono una prestazione inguardabile e si guadagnano la meritata contestazione del pubblico.

Dopo settanta minuti, però, basta qualche cambio in una formazione titolare oggettivamente sbagliata, per cambiare le carte in tavola e ribaltare un match che vedeva gli amaranto condannati ad una meritata sconfitta.

La decise Ungaro al sesto minuto di recupero.

Reggina-Rieti: amaranto da incubo

Cevoli, con molto coraggio, sceglie di lasciare fuori il capitano Conson e affidarsi all’inedita coppia difensiva composta da Solini e Redolfi.  Bastano pochi minuti per capire che la giornata amaranto non sarà delle più semplici.  Proprio Solini si fa sfuggire Gondo sull’out di sinistra laziale e, una volta in area, lo atterra.

Potrebbe starci il rosso, l’arbitro lo grazia, mentre non fa lo stesso l’attaccante con Confente, spiazzato dal rigore calciato dell’attaccante avversario.

La Reggina che si vede al Granillo è da libro degli orrori. Pessima la prestazione degli uomini di Cevoli: vulnerabili in  difesa, totalmente privi di idee in mezzo e evanescenti in attacco.  Un quadro devastante, amplificato dalle occasioni a grappoli collezionate dagli ospiti.

Da una parte c’è una squadra, quella amaranto, che gioca sotto ritmo, teme quasi di andare a contrasto, dall’altra c’è una che sfrutta le velocità degli uomini più rapidi e la scarsa reattività di un avversario evidentemente non conscio dell’altissima posta in palio.

Seminara, a sorpresa preferito da Cevoli a Zivkov e Mastrippolito, sembra uno che ne ha un po’ più degli altri ed è sua l’unica vera occasione per gli amaranto: bravo il portiere Chastre a chiudere lo specchio in qualche modo su un tiro da posizione defilata.

Reggina-Rieti: la ripresa è anche peggio, ma…

Le recriminazioni più giustificate sono quelle del Rieti che avrebbe meritato un vantaggio ben più ampio, anche alla luce di due gol annullati (uno sembra regolare) tra qualche contestazione e qualche buon intervento di Confente, necessario ad evitare il peggio per la Reggina.

La ripresa è un’altra fiera del disgusto per i sostenitori amaranto che al 61′ salutano persino il doppio vantaggio ospite: Zibert perde palla, Gallifuco trova l’imbucata per Cericola che fa secco Confente.

I laziali collezionano occasioni a grappoli e sembra davvero finita.     La Reggina, ridisegnata con il 4-2-4, cambia passo.  Prima Sandomenico si incunea in area e riapre, dal nulla, la contesa: è 1-2.

L’invenzione di Solini , poi, dopo due minuti regala al neo entrato Tassi l’occasione per il 2-2.   Gli amaranto, come un fulmine a ciel sereno, sono di nuovo in partita e per poco non la vincono.

Prima Sandomenico regala a Viola l’occasione di tirare un rigore in movimento, ma la conclusione non è delle migliori, poi l’attaccate di Taurianova sfodera un gran destro dal limite che coglie in pieno la traversa.

Nel finale, sempre Sandomenico, ha la chance per presentarsi solo davanti al portiere Chastre ma il suo pallonetto non supera il portiere e la seconda conclusione di Tassi finisce fuori.

Al 96′, però, accade l’imponderabile: all’ultimo assalto con le unghie e con i denti Viola si butta su un pallone vagante in area che scarica per Ungaro e fa centro.

Esplode il Granillo.

REGGINA – RIETI 3-2
Marcatori: 4’ Gondo, 61’ Cericola, 72’ Sandomenico, 75’ Tassi, 96’ Ungaro

REGGINA: Confente, Kirwan, Redolfi, Solini, Seminara (53’ Mastrippolito), Zibert (72’ Salandria), Petermann (59’ Tassi), Franchini (59’ Marino), Ungaro, Emmausso (46’ Viola) , Sandomenico All. Cevoli
RIETI: Chastre, Delli Carri, Gigli, Pepe, Dabo, Gallifuoco, Palma (80’ Kean), Konate(66’ Diarra) , Maistro, Vasileiou (59’ Cericola), Gondo All. Cheu
Arbitro: Pascarella (Nocera Inf.) Assistenti: Lombardi (C.di Stabia), Pellino (Frattamaggiore)
Ammoniti: Solini, Seminara, Konate, Maistro
Recupero: 0’pt, 6’st