Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Catanzaro-Reggina, agli amaranto serve un’impresa per non essere (troppo) inadeguati

Catanzaro-Reggina, agli amaranto serve un’impresa per non essere (troppo) inadeguati

E’ una settimana atipica per la Reggina che, domani sera alle ore 20.30, andrà in campo in un derby che non sembra aperto a particolari sorprese.

I giallorossi hanno una squadra sensibilmente superiore sotto il profilo tecnico, sono in un momento positivo e,tra le mura amiche, aspettano solo di dare continuità contro un avversario, gli amaranto, che hanno problemi evidenti.

Sotto il profilo tecnico e tattico ci si aspetta di vedere una sfida in cui le aquile proveranno a mettere a frutto la superiorità che nasce dall’avere obiettivi diversi, espressi attraverso un budget sensibilmente superiore.

Da un lato c’è una proprietà forte ed ambiziosa che conta di portare i giallorossi là dove mancano da troppi anni, dall’altra un azionista di maggioranza dimissionario ed un futuro tutto da scrivere.

Per l’ennesima volta la Reggina si presenta ad una sfida contro una storica rivale con credenziali inadeguate a quella che è la storia ed il blasone del  club.  Non è colpa di nessuno: né di chi mantiene la baracca, né di giocatori che forse sono nel posto sbagliato al momento sbagliato. Forse del destino

La palla è rotonda e tutto può accadere,  ma oggi è davvero difficile ipotizzare uno sgambetto della squadra di Auteri che viaggia a vele spiegate.

Lo scorso anno, grazie ad una congiuntura astrale, uno dei pochi acuti stagionali arrivò grazie proprio all’affermazione al Ceravolo che venne sbandiera ai quattro venti come l’impresa del secolo, cosa che se possibile è risultata più fastidiosa delle premesse.

 

Non resta che andare in campo onorare la maglia e provare a scardinare quello che sembra un destino ineluttabile.