Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina ko al fotofinish, ma meritato: vola il Rende

Reggina ko al fotofinish, ma meritato: vola il Rende

di Pasquale De Marte –  La Reggina perde a Rende al fotofinish, ma lo fa meritatamente. Perdere allo scadere brucia, ma bisogna convivere con l’evidenza dei fatti. Quella che racconta che, al momento, tra i biancorossi ed amaranto non c’è partita.

L’inerzia della stagione è totalmente favorevole ad una squadra che ha vinto sette delle dieci partite che ha giocato, compresa l’ultima contro una squadra, quella di Cevoli, che ha vissuto un match in cui è rimasta in gara soltanto grazie a degli strappi che sono valsi i due momentanei pareggi.

Per il resto c’è da mettere in conto, oltre all’innegabile sfortuna, un’incapacità di produrre qualcosa che potesse mettere in difficoltà un Rende decisamente più in palla, organizzato e convinto di ciò che faceva in campo. Meriti anche del grande ex, l’allenatore Modesto.

Rende – Reggina: amaranto sfortunati, ma padroni di casa superiori

Rende-Reggina, nel primo tempo, è anche la storia di ben quattro infortuni amaranto.   Il primo è quello di Confente che, nel riscaldamento, è costretto a dare forfait e a lasciare posto a Licastro.   Il secondo ed il terzo sono quelli di Tulissi (dopo dieci minuti) e Salandria (poco più di mezz’ora prima di uscire).     La cornice giusta per il quarto , quello del portiere, che, dopi cinque minuti dà vita ad un’incredibile papera che porta avanti gli uomini di Modesto.

Un innocuo tiro-cross di Viteritti diventa l’occasione in cui, al 5′,  la partita si mette in discesa per i padroni di casa.  Un quadro apocalittico da cui la Reggina, pur senza difficoltà, dà l’impressione di poterne uscire.

I primi segnali li dà con la reazione allo svantaggio: Tulissi (prima di lasciare la contesa) per poco non propizia un autorete, mentre il solito  Sandomenico sfodera un destro che costringe alla super parata Savelloni.

Sono gli ultimi squilli prima di una fase centrale in cui gli amaranto si estraneano dalla partita.  Le marcature sugli avversari sono troppo larghe, la posizione di Laaribi che si sposta tra le linee partendo da destra non trova contromisure adeguate, mentre la spinta degli esterni di Modesto appare quasi incontenibile.

Rende-Reggina: doppia rimonta degli uomini di Cevoli

La Reggina, però, ha qualità ed occhio a darla per morta.  Dalla combinazione Ungaro-Kirwan nasce un cross dell’italo neozelandese su cui Tassi (subentrato proprio a Tulissi) si muove da grande attaccante, vince il duello fisico con l’avversario e anticipa il portiere, autore di una pessima uscita. Come un fulmine a ciel sereno, ma è 1-1.

Troppa grazia,non a caso il pareggio è illusorio e dura pochissimo.   Gli uomini del Rende, pressati in maniera troppo blanda dai centrocampisti amaranto, trovano un’imbucata per Vivacqua che sfrutta la pessima linea difensiva amaranto (Kirwan troppo basso rispetto a Conson), scatta in posizione regolare e supera ancora Licastro.

Si vede lontano un miglio che il Rende è in piena fiducia, le gambe girano al massimo e non ha paura di osare. Il rischio, però, è di prendere troppa confidenza, non a caso sul finire della prima frazione Franchini se ne va in campo aperto, serve Tassi che con un fantastico mancino a giro dal limite trova l’incrocio. E’ 2-2.

Rende-Reggina: dominio biancorosso nella ripresa

Nella ripresa la Reggina non esiste. Il Rende la mette all’angolo, senza mai avere la forza di metterla ko.  Gli uomini di Modesto fanno girare il pallone in maniera periferica rispetto all’area di rigore, mettono in mezzo qualche traversone interessante, ma di reali occasioni se ne contano davvero poche.

Con la Reggina arroccata a protezione della propria area di rigore, in cui persino Sandomenico fa il terzino, non era facile far meglio.

L’insistenza dei padroni di casa, però, viene premiata al 90′ quando il neoentrato Godano serve a Franco il pallone che vale il 2-1: palla in mezzo da destra e gol che vale tre punti per i padroni di casa al ‘Lorenzon’.

Rende-Reggina, il tabellino

RENDE – REGGINA 3-2
Marcatori: 5’ Viteritti, 31’ Tassi, 35’ Vivacqua, 46’ Tassi, 90’ Franc0

RENDE: Savelloni, Germinio, Minelli, Sabato, Viteritti,Franco (91’ Cipolla), Awa, Blaze, Laaribi (76’ Godano), Rossini, Vivacqua (91’ Di Giorno) All. Modesto
REGGINA: Licastro, Kirwan, Conson, Solini, Zivkov, Zibert, Marino (70’ Navas), Salandria (39’ Franchini), Tulissi (14’ Tassi), Ungaro (70’ Bonetto), Sandomenico All. Cevoli
Arbitro: Annaloro (Collegno) Assistenti: De Chirico (Barletta), Pellino (Frattamaggiore)
Ammoniti: Tassi, Minelli, Kirwan, Blaze, Palermo
Recupero: 2’pt, 3’st