Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Taibi: ‘Mi aspettavo di avere Granillo e S.Agata, così non si può andare avanti’

Reggina, Taibi: ‘Mi aspettavo di avere Granillo e S.Agata, così non si può andare avanti’

Massimo Taibi, una situazione del genere, non se la sarebbe mai aspettata. Tre gare lontano dal Granillo per inagibilità dello Stadio, una squadra che non ha dove allenarsi.

Nulla, al momento, è andato secondo i suoi piani, considerato che tutto partì dalla mancata disponibilità del S.Agata.
Piano saltato per via dell’offerta più alta ricevuta dalla curatela per il centro sportivo che sarebbe rimasto nella disponibilità della società qualora se lo fosse aggiudicato la famiglia Romeo.

Reggina: Taibi dice che non si può andare avanti così

“Quando sono arrivato – ha detto alla Gazzetta del Sud – mi era stato detto che la Reggina avrebbe avuto a disposizione sia il Granillo che il S.Agata”. Una sorta di ammissione che le cose non sono andate come ci si aspettava”.

La squadra si allena a Gallico sul sintetico. “Ci servirebbe un campo in erba naturale, speriamo le cose si risolvano, non si può andare avanti così”: Il Granillo, non a caso, sarebbe tornato utile anche per un paio di sedute settimanali.
Non mancano però le note positive per la famiglia Praticò: “Stanno facendo enormi sacrifici per tenere su la baracca e vanno elogiati. La scadenza del 16 ottobre per gli stipendi è stata rispettata regolarmente”.