Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina inerme, a Vibo passa il Monopoli

Reggina inerme, a Vibo passa il Monopoli

di Pasquale De Marte –  La Reggina alla terza giornata perde già l’imbattibilità casalinga subendo una meritata sconfitta ad opera del Monopoli. Si fa per dire, però, considerato che la sfida si è giocata a Vibo Valentia per l’inagibilità del Granillo.

Va in archivio una sfida in cui pugliesi hanno dimostrato di essere ad un livello più avanzato in quanto ad organizzazione di gioco, capacità di manovra, mettendo in mostra qualità generale sensibilmente superiore.

Il Monopoli, in questo momento, è un avversario nettamente superiore ad una Reggina che dimostra di avere poche idee di gioco o, quantomeno, di non riuscire a metterle in pratica.  Perso praticamente ogni duello individuale, la chiave del match è stata la capacità che i pugliesi hanno avuto nel trovare le giocate risolutive attraverso il gioco e l’arrivo sul fondo degli esterni.

 

Reggina – Monopoli, meglio i pugliesi inizialmente

La Reggina di Roberto Cevoli mantiene il consueto atteggiamento tattico. 4-3-3 in cui trova conferma il giovanissimo Mastrippolito nella posizione di terzino sinistro e Marino viene preferito a Franchini. Proprio l’ex centrocampista della Sicula Leonzio, nei primi venti minuti della sfida, è uno dei pochi a salvarsi da un avvio in cui il Monopoli la fa da padrone.

Pressing alto, gestione del pallone e soprattutto gol del vantaggio sono il risultato di un approccio migliore e forse anche di una maggiore qualità degli uomini.  Come quella dell’esterno sinistro del 3-4-3 Donnarumma che. beneficiando di troppa libertà, crossa per i suoi: la prima conclusione viene neutralizzata da Confente, sulla ribattuta arriva De Angelis che fa centro.  E’ il 6′.

La Reggina lenta e prevedibile nella manovra, paga maledettamente lo scarso movimento senza palla dei suoi.  Per almeno mezz’ora i risultati alla voce “produzione di gioco” non sono soddisfacenti.   A cambiare un filone tattico fin troppo prevedibile è un movimento di Tulissi che, dall’esterno destro, entra a prendere palla in zona centrale, scarica su Sandomenico che, dopo un tunnel ad un avversario, chiama il portiere Pissardo ad una respinta corta.  La palla è preda di Salandria che il pallonetto che si stampa sulla traversa, trovando poi il tap in vincente dello stesso Tulissi. Gli amaranto trovano coraggio, ma perdono Maritato per infortunio (dentro Tassi).

Monopoli di nuovo avanti, Reggina in difficoltà

Nella ripresa sembra di assistere allo stesso film della prima frazione, con un Monopoli che sceglie di attaccare a destra dove Mastrippolito paga dazio alla sua giovane età.  Fabris se ne va, mette in mezzo un pallone alle spalle della difesa , schiacciata a protezione dell’area piccola,  e Sounas la piazza di giustezza trovando il palo e poi la rete al 5′.

La rete anestetizza la squadra di Cevoli che rischia di subire il tris  in due circostanze: prima Donnarumma (ancora lui) da sinistra trova De Angelis sul secondo palo e la spaccata genera una palla sporca su cui mette una pezza Solini, poi Berardi chiama Confente alla grande parata con un destro dal limite.

Cevoli prova cambiare una situazione che inizia ad essere preoccupante e ridisegna la squadra con il 4-2-3-1 con Emmausso dietro Tassi)

A tredici minuti dalla fine, però, i pugliesi chiudono la contesa:  calcio d’angolo a favore della Reggina, Mangni raccoglie la respinta anticipando Salandria e, dopo cinquanta metri palla al piede, si presenta solo davanti a Confente e lo evita per il 3-1.

REGGINA – MONOPOLI 1-3
Marcatori: 6’ De Angelis, 37’ Tulissi, 50’ Sounas, 76, Mangni,

REGGINA: Confente, Kirwan, Conson, Solini, Mastrippolito, Petermann (59’ Emmausso), Salandria, Marino (59’ Zibert), Maritato (43’ Tassi), Tulissi (74’ Ungaro), Sandomenico (74’ Franchini) All. Cevoli
MONOPOLI: Pissardo, Rota, De Franco, Mercadante, Fabris, Scoppa (85’ Maimone), Sounas (77’ Montinaro), Zampa, Donnarumma (85’ Pierfederici), Berardi (68’ Mendicino), De Angelis (68’ Mangni) All. Scienza
Arbitro: Eduart Pashuku (Albano Laziale) – Assistenti: Alfio Conti (Acireale), Carmelo De Pasquale (Barcellona P.G.)
Ammoniti: Conson, Fabris, Ungaro
Recupero: 3’pt, 3’st