Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina: ne mancano diciannove? Presto accelerata di Taibi

Reggina: ne mancano diciannove? Presto accelerata di Taibi

Il diario di bordo in casa amaranto non fa registrare particolari scossoni.  Prosegue la sensazione diffusa che si stia operando in maniera tempestiva rispetto alla necessità di costruire una squadra senza grandi risorse, ma presto arriverà il momento di stringere i tempi.

Il momento in cui le trattative si intensificheranno dovrebbe essere quello coincidente con la fine di tutti i campionati.  In particolar moto la Reggina focalizza la propria attenzione sui play off del campionato Primavera  e quelli di Serie C.

Una volta finito il massimo torneo giovanile sarà più facile avvicinare le grandi e gli agenti dei migliori prospetti a cui proporre l’idea di giocare in una piazza importante come Reggio Calabria.

Negli spareggi per la promozione tra i cadetti, invece,  potrebbero registrarsi occasioni di diversa naturale, come quelle riguardanti dei calciatori che, una volta promossi e in scadenza, rischierebbero di non essere confermati perché ritenuti inadeguati al campionato cadetto.

Massimo Taibi ha reso nota la sua idea di volere un organico di ventitré elementi.

Facendo due calcoli e considerato il nuovo arrivo Navas, ne mancano ancora diciannove.  Si perché Amato, Marino e Sciamanna  faranno parte della rosa di Cevoli, mentre Mezavilla e Sparacello, pur essendo sotto contratto, potrebbero trovare altra sistemazione.

Ne mancano diciotto se si considera Salandria un calciatore amaranto. Sono a un passo anche Franchini e Zecca dal Sassuolo.   Potrebbe arrivare anche Osuji e ci sono tre calciatori in odore o cmq con possibilità di conferma: Cucchietti, Laezza e Tulissi.