Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, parate che inaspettatamente ‘valgono’?

Reggina, parate che inaspettatamente ‘valgono’?

Le ultime due giornate di campionato hanno visto la Reggina pareggiare due match che contavano poco contro Sicula Leonzio e Juve Stabia.   In porta non è andato lo straordinario Cucchietti di questa stagione, ma un ragazzo di Delianuova che ha saputo aspettare il suo turno.

I match contavano poco, ma le parate e la sicurezza mostrata tra i pali erano autentiche.   Soprattutto se si considera che l’assenza dal ritmo partita pesa anche e soprattutto per i portieri.

Mattia Licastro da tre anni para per la Reggina. Molti di più se si considerano le giovanili.  In Serie D è rimasto inspiegabilmente fuori per quasi un girone quando davanti c’era un portiere che ne combinava una dopo l’altra, nelle ultime due stagioni ha invece fatto il dodicesimo.

Parare un rigore davanti a Massimo Taibi potrebbe valergli la riconferma.  Difficile che venga proposto come titolare, ma per il terzo anno consecutivo resterebbe nella sua Reggina.

Il non essere più under potrebbe essere un problema nel cercare un ingaggio in Serie D, mentre cambierebbe poco per la società amaranto che, invece, non ha beneficiato praticamente dal suo minutaggio nell’ultimo anno da “giovane”.

In una squadra che ha pochi reggini potrebbe diventare un punto di riferimento per lo spogliatoio.