Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Catania – Reggina: mal comune, mezzo gaudio?

Catania – Reggina: mal comune, mezzo gaudio?

Stadio Massimino di Catania, domenica ore 14.30.  Sfida e appuntamento (inteso come ora e giorno) d’altri tempi quella che vedrà opposti i locali etnei alla Reggina di Agenore Maurizi.

In campo andranno squadre con cifra tecnica ed ambizioni diverse.  Da una parte c’è la squadra di Lucarelli, un’autentica corazzata, dall’altra un gruppo di giovanotti in un momento negativo, chiamato a bissare  l’impresa dell’andata.

Entrambe le squadre però dovranno fare i conti con un’assenza pesante: quella dell’uomo più esperto, del faro del centrocampo.

Le espulsioni di Lodi e La Camera negli ultimi rispettivi impegni  hanno privato la sfida di due protagonisti.

Un mal comune che potrebbe pesare più sulla Reggina.  La rosa rossazzurra è talmente ampia e competitiva che comunque vada andrà in campo un calciatore in grado di fare la differenza in categoria: che si tratti di Bucolo o dell’ex di turno Rizzo fa poca differenza.

La Reggina, invece, sorride per il rientro sempre più vicino di Fortunato, ma sa che in organico non ha un calciatore che sia in grado di dettare i tempi, di portare palla e di guidare la squadra come l’ultimo arrivato.

Davanti alla difesa nel 3-5-2 potrebbe giocare Castiglia con Provenzano chiamato ad agire da mezzala sinistra.

Ma gli ultimi allenamenti chiariranno le idee.