Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina ok anche a Matera, prosegue la serie positiva

Reggina ok anche a Matera, prosegue la serie positiva

di Pasquale De Marte –  La  Reggina conquista un punto a Matera e porta a sette i punti conquistati nelle ultime tre giornate.  Un pareggio importante conquistato su un campo difficile e storicamente ostile per i colori amaranto.

La squadra di Maurizi limita i danni in un primo tempo caratterizzato dalla grande cifra tecnica degli avversari e nella ripresa sfrutta gli episodi per riportare il match in equilibrio un match in cui il segno “X” non appare certo fuori luogo.

Un passo in avanti importante in classifica, ottenuto anche grazie all’innesto dal primo minuto di Castiglia (per la prima volta titolare) e Ferrani (arrivato in settimana).

E, adesso, con all’orizzonte un doppio turno casalingo c’è la consapevolezza che ci si può avvicinare molto al traguardo salvezza.

Reggina avanti col 3-5-2, Matera con tanti assenti

In panchina a contendersi i punti ci sono due allenatori piuttosto esperti. Da un lato c’è Auteri che pratica, da sempre, la religione del gioco offensivo

Dall’altro c’è Maurizi che, invece, ha messo da parte i propositi di “calcio di comando” e adotta  un 3-5-2  votato principalmente a difendersi e a ripartire.

Una strategia rivelatasi vincente e che, a bocce ferme, sembrerebbe quella giusta anche contro un avversario come il Matera che dispone di giocatori veloci e potenzialmente mortiferi se hanno campo dove affondare.

L’inizio della Reggina è promettente, ma ben presto vengono fuori dei limiti rispetto ad un avversario che ha senz’altro una maggiore cifra tecnica.  La manovra dei padroni di casa è avvolgente e gli amaranto si difendono come possono, anche grazie all’innesto del nuovo acquisto Errani piazzato al centro della difesa e chiamato a far valere la sua fisicità.

A centrocampo, però, non c’è il filtro che ci si aspetta anche per la differenza di passo tra gli interpreti e neanche la proposizione offensiva adeguata.

La supremazia territoriale degli uomini di Auteri non si traduce comunque in uno schiacciante maggior numero di occasioni da rete, dato che sono tre tiri da lontano (uno di Dugandzic  e due di De Falco) a regalare qualche brivido o a generare due interventi del solito positivo Cucchietti.

Gli amaranto rispondono con Bianchimano che, dal limite, chiama Golubovic alla parata e poi con Ferrani che sfrutta i suoi 190 cm per svettare nell’area avversaria e far passare il pallone a pochi centimetri dall’incrocio.

Al 39′, però, un buco multiplo difensivo degli amaranto (con Armeno ultimo anello della catena) favorisce la rete sotto misura di Dugandzic che spezza l’equilibrio.

Reggina: la reazione nella ripresa

La Reggina, nella ripresa, prova ad entrare in campo con un piglio diverso.  Il Matera ha probabilmente meno energie, ma il campo che trova per attaccare risulta decisamente inferiore grazie ad una maggiore attenzione offerta dagli ospiti.

E sembrano anche esserci i presupposti per il pareggio che arriva  al 67′:  Castiglia raccoglie un pallone dal limite e calcia, il tiro non viene contenuto dal portiere e sulla ribattuta Sparacello, in due tempi, trova lo spunto per fare centro.

E’ il gol che vale l’1-1 finale.

Clicca qui per leggere le pagelle

MATERA – REGGINA 1-1
Marcatori: 39’ Dugandzic, 67’ Sparacello,

MATERA: Golubovic, Sernicola, De Franco, Gigli, Casoli, Maimone, De Falco, Angelo, Tiscione (87’ Battista), Duganzdic (74’ Di Livio), Sartore (87’ Giovinco) All. Auteri
REGGINA: Cucchietti, Laezza (48’ Auriletto), Ferrani, Pasqualoni, Hadziosmanovic, Marino (81’ Giuffrida), Fortunato, Castiglia (74’ Provenzano), Armeno, Sparacello (81’ Tulissi), Bianchimano All. Maurizi
Arbitro: Cipriani (Empoli) Assistenti: Lombardi (Castellamare di Stabia) Macaddino (Pesaro)
Ammoniti: De Franco, Battista
Recupero: 0’pt, 5’st
Note: 81’ espulso Auteri per proteste