Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Mezavilla: ‘Reggio come il Brasile. Io posso fare di più. De Francesco, Bianchimano e Cucchietti…’

Reggina, Mezavilla: ‘Reggio come il Brasile. Io posso fare di più. De Francesco, Bianchimano e Cucchietti…’

E’ stato il grande colpo di mercato della Reggina, giudicato così nella passata sessione estiva, a completamento di un organico ricco, anzi ricchissimo di giovani. Adriano Mezavilla ha risposto alla chiamata della società che all’esperto centrocampista ha chiesto una mano di aiuto in virtù di un percorso calcistico di livello e tanta tantissima esperienza. Ospite della trasmissione Fuorigioco, il calciatore ha espresso le sue considerazioni sulla squadra, il tecnico, la città, il suo rendimento, in maniera molto onesta: “La classifica gratifica il nostro lavoro, ma è un campionato difficilissimo e non bisogna abbassare l’attenzione. Questo è un campionato dove tutti possono battere tutti.

Con il Catania era normale soffrire, ma era anche importante stare uniti e provare a colpire nel momento giusto. Per fortuna ci siamo riusciti. Siamo felici tutti, ci abbiamo messo grande voglia. I gol sono frutto del lavoro del mister, ognuno in campo sa cosa fare.

Il campionato di C può essere fatto di alti e bassi, dobbiamo stare uniti nei momenti di difficoltà. La squadra ha ampi margini di miglioramento. In serie C conta di più l’agonismo per poter vincere le partite.

La mia prestazione non è stata positiva, posso fare di più, ma provo a rendermi utile alla squadra. Io sono un pò più incontrista, ho giocato in varie posizioni in mezzo.

De Francesco si vede che è un calciatore che può giocare in altre categorie. Bianchimano potrebbe essere pronto per il salto di categoria, sta a lui, ha margini di miglioramento, le doti ci sono. Cucchietti? Lui sta lavorando tantissimo e si vede.

Reggio, come mentalità, è come il Brasile. E’ una piazza che ha bisogno di entusiasmo con una grossa potenzialità e ha tanto calcio dentro, sta a noi fare risultati e far aumentare la fiducia”.