Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, dove puoi arrivare giocando per novanta minuti?

Reggina, dove puoi arrivare giocando per novanta minuti?

Imbattuta da cinque turni in campionato, sei se dentro ci si mette anche la gara di Coppa Italia, la Reggina avanza in classifica ed anche molto oltre le aspettative si colloca in piena solitudine al sesto posto. Lo scetticismo che aveva accompagnato il coordinatore dell’area tecnica Basile ed il tecnico Maurizi appare adesso un lontanissimo ricordo, entrambi in pochissimo tempo son riusciti ad entrare nelle grazie del popolo amaranto e degli addetti ai lavori a suon di prestazioni e risultati. Perché la Reggina di oggi piace, raccoglie consensi ed ispira fiducia, insieme a qualità tecniche diffuse ed uno spirito di gruppo trasmesso da chi allena che in questo momento riescono a fare la differenza.

Quattro volte fuori casa

L’abbiamo chiamata camaleontica per la sua capacità di essere brillante, veloce e sbarazzina, ma anche combattiva, agonisticamente “cattiva” nonostante la giovane età complessiva del gruppo e tenace. In pochi, hanno considerato che dei nove punti conquistati fino a questo momento da De Francesco e soci, cinque sono arrivati da tre trasferte, perché in sei gare di campionato, ben quattro volte la Reggina ha giocato lontano dai propri tifosi. Mica poco.

Perchè si gioca solo un tempo?

Ma c’è un altro dato di questo percorso che sta caratterizzando un determinato comportamento degli amaranto e non rientra tra le note positive. Cinque partite su sei hanno visto i ragazzi di Maurizi esprimere un calcio a volte brillante, a volte piacevole, ma solo per un tempo. E’ successo con una incredibile continuità in trasferta e sempre concedendo agli avversari la prima frazione, è successo l’esatto opposto ed anche qui per un tempo, in casa contro il Matera. Una questione sollevata nel dopo gara di Francavilla dalla solita onestà intellettuale di mister Maurizi ed alla quale va posto rimedio prima che questa pericolosa costante diventi un vero difetto e magari non rimediabile come adesso.

Dove può arrivare questa squadra

Possibile che la giovane età del gruppo pecchi ancora in fatto di attenzione e concentrazione sull’approccio al match. Ci si chiede allora, una volta migliorato anche questo aspetto e quindi con una squadra in partita per novanta minuti, dove potrà arrivare questa Reggina?

M.F.