Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, parla Maurizi: ‘Parola d’ordine: duttilità. Col Catanzaro vogliamo far bene

Reggina, parla Maurizi: ‘Parola d’ordine: duttilità. Col Catanzaro vogliamo far bene

Al Granillo arriva il quotato Catanzaro, parla Agenore Maurizi alla vigilia della sfida.

IL MOMENTO – “Siamo una squadra in crescita che si sta conoscendo. Vogliamo far bene, c’è grande desiderio di assecondare questo nostro pensiero”.

MEZAVILLA – “Abbiamo preso un calciatore di grandissima esperienza che anche da difensore centrale ha giocato più di cento partite. Ci mancavano Gatti e Di Filippo, ho pensato che un uomo come lui potesse colmarci le lacune che abbiamo avuto per via delle assenze. Credo sia stata la scelta più giusta”.

PORCINO – “In linea generale non si può parlare di scelte definitive. Allenamenti e partite che si affrontano suggeriscono cose diverse e la duttilità deve essere una caratteristica per chiunque vuole stare al mondo. Porcino ha avuto diverse richieste come quarto a sinistra in difesa, però dobbiamo sottolineare che molte volte diventiamo una difesa a tre. L’attaccante può farlo solo in una squadra difensivista”.

DE FRANCESCO – “A centrocampo può giocare ovunque. E’ un giocatore che può ricoprire più ruoli e a volte lo vedremo anche dietro le punte”.

TULISSI E BEZZICCHERI – “Hanno tutti e due grandissima qualità. Bezziccheri ha giocato ovunque: mezzala, trequarista e mezza punta. Ha qualità, bisognerà trovargli la posizione adatta a lui. Tulissi ha già giocato in Lega Pro e tutti e due hanno le caratteristiche che ci servono”.

BIANCHIMANO – “Si è sempre allenato. Ha fatto un lavoro diverso perchè non era molto attento sotto l’aspetto tecnico-tattico, gli manca un po’ di ritmo gara come manca un po’ a tutti”.

MERCATO – “Dagli ultimi giorni non mi aspettavo nulla, sono soddisfatto della rosa. Siamo giovanissimi, ma anche ricchi di qualità. Dobbiamo pazientare e raccogliere i frutti di un albero molto buono”.

IL CATANZARO – “Verrà qui per fare la partita, ma noi non saremo da meno. Faremo il nostro calcio aggressivo e di comando, questo non implica che vinceremo o perderemo. Ce la giocheremo a viso aperto. Noi siamo una squadra giovane, loro un po’ meno: vedremo”.